rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

La Lilt organizza una serata per sensibilizzare la popolazione ai valori della prevenzione oncologica

Il tumore alla mammella è tra le neoplasie che colpisce di più le il genere femminile, infatti, sono mediamente 1.070 le donne colpite in Romagna, tra il 2017 e il 2020

In oncologia, la medicina di precisione rappresenta una dellesfide per il futuro, dove le terapie e i medicinali saranno ‘su misura’ per il paziente. La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – Lilt provinciale e la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Forlì e Cesena, grazie a un accordo di respiro nazionale, hanno organizzato, per mercoledì alle 20.30 alla sala Aurora di palazzo Albicini (corso Garibaldi 80), l’incontro gratuito ‘Tumore al seno, la cura su misura’. Lo scopo della serata è quello di sensibilizzare la popolazione ai valori della prevenzione oncologica e dei nuovi strumenti messi in campo per rendere la diagnosi e la cura in linea con le caratteristiche della persona e della sua patologia.In particolare, il tumore alla mammella è tra le neoplasie che colpisce di più il genere femminile, infatti, sono mediamente1.070 le donne colpite in Romagna, tra il 2017 e il 2020, con un trend di incidenza stabile.

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

Durante la serata interverranno, la dottoressa Lucia Bedei, oncologa dell’unità operativa di Prevenzione Oncologica sede di Forlì, che spiegherà l’importanza dei corretti stili di vita come presidio fondamentale per prevenire i tumori; la dottoressa Annalisa Curcio, chirurga del reparto di Chirurgia senologica di Forlì, che illustrerà i trattamenti di cura con particolare attenzione alla salvaguardia dell’immagine corporea. Infine, Brigida Ferreri, infermiera e consigliera Lilt, spiegherà i progetti di medicina personalizzata, MyPebs e Miss.

"Consapevoli – dichiara Sandra Montalti, presidente Lilt Forlì-Cesena - che la salute e il benessere sono beni prioritari, la Lilt e la Fidapa individuano la donna quale protagonista nel campo della diagnosi precoce. Attraverso la collaborazione tra le nostre realtà associative, sarà possibile perseguire e diffondere la cultura della prevenzione attraverso iniziative ad hoc. Questo evento ne rappresenta la prima preziosa espressione". Anche Patrizia Graziani, presidente Fidapa sezione di Forlì, conferma la proficua collaborazione creata con gli enti del territorio, in particolare con Lilt: "Ho iniziato il mio da ottobre ponendomi tra i temi più cari: lamedicina di genere, la prevenzione oncologica, la tutela della salute delle donne. A pochi mesi dall’inizio delle nostre attività, sono lieta di poter dare seguito ad uno dei punti del mio programma, nella convinzione che la collaborazione tra realtà diverse costituisca quella premessa necessaria perraggiungere risultati concreti".

Forlì sarà protagonista dell’evento ma anche Fidapa sezione di Cesena parteciperà alla serata: «In medicina occorre tenere in considerazione delle differenze biologiche tra uomo e donna - conclude Mirella Ravaglia, presidente Fidapa sezione cesenate -. La ricerca e lo studio di queste diversità permetteranno di avere diagnosi e terapie più precise. Il convegno sarà un momento importante per parlare di tumore al seno che colpisce molte donne e degli strumenti innovativi che tengono conto proprio delle peculiarità femminili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lilt organizza una serata per sensibilizzare la popolazione ai valori della prevenzione oncologica

ForlìToday è in caricamento