Portici, "un potenziale inespresso": con "Linee di rigenerazione" si progetta il futuro dell’area

La fase di analisi ha permesso di conoscere meglio il quartiere e la percezione che gli abitanti hanno dell’area, di individuare i luoghi in cui saranno realizzati i micro progetti migliorativi

Conclusa la fase di analisi ed esplorazione, il progetto "Linee di rigenerazione" a cura di Spazi Indecisi entra nel vivo coinvolgendo cittadini, studenti, architetti e artisti nella progettazione di micro-interventi di rigenerazione urbana, con l’obiettivo di valorizzare il percorso che collega la stazione ferroviaria al centro storico, passando per i Portici e ExAtr. Iniziata a ottobre con sopralluoghi partecipati, passeggiate patrimoniali, laboratori fotografici, tavoli di lavoro e la raccolta di 120 questionari, la fase di analisi ha permesso di conoscere meglio il quartiere e la percezione che gli abitanti hanno dell’area, di individuare i luoghi in cui saranno realizzati i micro progetti migliorativi e i limiti normativi entro i quali ideare gli interventi.

Il processo ha visto la partecipazione attiva di numerosi soggetti pubblici e privati: l’amministrazione comunale e i suoi tecnici, la Soprintendenza di Ravenna, Acer e le realtà che vivono quotidianamente l’area come associazioni, comitati, parrocchie, gruppi scout e un nutrito gruppo di cittadini. "Molteplici sono le necessità emerse - viene illustrato - come il bisogno di spazi di aggregazione sia per gli anziani che per i più giovani, la volontà di migliorare zone dal potenziale inespresso come l’area verde dei Portici, l’urgenza di valorizzare rendere più vivo e sicuro il tratto che collega la stazione al centro storico, passando per i Portici ed ExAtr, il desiderio di incrementare le aree gioco e sportive presenti nell'area. Tra i luoghi segnalati, dove Linee di Rigenerazione realizzerà gli interventi nei prossimi mesi, ci sono alcuni cortili interni delle case popolari Acer, ExAtr, piazzetta Savonarola e l’area verde presente ai Portici".

Il prossimo weekend, da venerdì a domenica, all'ExAtr, "Linee di Rigenerazione" organizza un workshop di progettazione che vede la partecipazione di oltre 25 studenti del corso di Urbanistica della Facoltà di Architettura di Cesena e dell’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Faenza che, coordinati dagli architetti ed esperti di rigenerazione urbana Patrizia di Monte e Ignacio Grávalos e dall’artista e ingegnere Andreco, ideeranno e progetteranno, partendo dalle informazioni raccolte durante la fase partecipata, gli interventi temporanei di urbanistica tattica a basso costo sul quartiere. Sabato dalle 19 sempre in ExAtr (ex Deposito delle Corriere) è previsto un aperitivo di quartiere a cui sono invitati a partecipare gli abitanti e le realtà interessate durante il quale sarà possibile confrontarsi sui progetti realizzati durante il workshop.

Il progetto

Il progetto “Linee di rigenerazione” a cura di Spazi Indecisi, realizzato in partnership con Città di Ebla e la Coop. Casa del Cuculo e in collaborazione con Azienda Acer, coop.Cad, Università di Bologna e il Comune di Forlì, si è aggiudicato il premio “Creative Living Lab II edizione" promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. "Linee di rigenerazione" opera nel Quartiere San Pietro nell’area delle case popolari Acer, abitate da famiglie in stato di fragilità sociale ed economica, e nel quartiere Musicisti Grandi Italiani nell’area dei Portici, caratterizzata da ampie aree verdi non progettate e negozi sfitti. Il progetto vuole abilitare le relazioni tra persone e città, rivitalizzando spazi ed aree inutilizzate (piazzette, porticati, corridoi, parcheggi, muri e zone interstiziali non utilizzate) attraverso micro-interventi di rigenerazione urbana che gli stessi cittadini concorreranno a definire, a costruire e poi a curare come aree gioco, orti pubblici, arredo urbano, ecc.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto prevede le seguenti fasi: esplorazioni, passeggiate, sopralluoghi partecipati per mappare il quartiere e ricercare i luoghi con un potenziale di rigenerazione; raccolta di foto, video e testimonianze per costruire una mappa emotiva del quartiere; laboratori di Quartiere per la scelta partecipata dei luoghi e per la coprogettazione dei dispositivi e degli interventi di rigenerazione; workshop di design urbano per la progettazione e autocostruzione di dispositivi di rigenerazione a cura di Patrizia Di Monte; workshop di segnaletica urbana per connettere ExAtr e i luoghi rigenerati a cura di Andreco; ed infine la realizzazione degli interventi e inaugurazione delle Linee.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Morto sulla Bidentina, Andrea superò un grave incidente. La sua esperienza per un progetto per giovani

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: nuovi contagiati riconducibili a focolai già noti

  • Commando armato assalta una villa: minuti di terrore per una famiglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento