Lite a colpi di bastoni e bottiglie rotte: presi e denunciati due ventenni, si cerca un fuggitivo

Sull'asfalto vi erano ancora le tracce di numerose bottiglie di birra infrante, e un bastone di circa 70 centimetri di lunghezza con il quale il presunto aggressore avrebbe colpito i rivali

Lite a colpi di bastone in una strada del centro, in particolare in via Carlo Pisacane. E' qui che le volanti della Questura sono dovute intervenire per la segnalazione dei residenti che, intorno alla mezzanotte tra mercoledì e giovedì, hanno sentito in strada urla e bottiglie infrangersi. Protagonisti della lite erano tre persone, di cui tre 20enni del Gambia, in regola col permesso di soggiorno, che sono finiti denunciati in quanto privi della documentazione attestante la regolarità in Italia. I due soggetti sono stati fermati mentre cercavano di allontanarsi dal posto in direzioni diverse. In fuga, invece, un terzo soggetto, per il quale sono in corso le indagini per identificarlo. In particolare quest'ultimo sarebbe l'aggressore principale, quello che ha colpito gli altri due con un bastone.

Video - Violenta lite, la ricostruzione della Polizia

Sull'asfalto vi erano ancora le tracce di numerose bottiglie di birra infrante, e un bastone di circa 70 centimetri di lunghezza con il quale il presunto aggressore avrebbe colpito i rivali, per motivi che i diretti interessati non hanno voluto chiarire. Entrambi hanno riportato ferite lievi, uno di loro si è portato al pronto soccorso con una refertazione di pochi giorni di prognosi. Gli agenti hanno perquisito i due ragazzi, ed uno di loro è stato trovato in possesso di un coltello da cucina, che è stato sequestrato.

Il detentore si è giustificato dicendo che se l’era procurato per fronteggiare proprio colui che l'ha aggredito, ma al momento della lite il coltello non è stato estratto. I due stranieri sono stati accompagnati in Questura per gli atti a loro carico, in quanto per entrambi è scattata la denuncia per la violazione della legge sull’immigrazione (non avendo esibito, senza giustificato motivo, alcun documento utile ad identificarli e a dimostrare la regolare permanenza sul territorio nazionale) e uno di loro anche per il porto del coltello in luogo pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento