I sindaci delle città romagnola all'Irst: istituto protagonista di uno studio internazionale sulle terapie cellulari

L’Irst Irccs di Meldola fa parte del consorzio di ospedali e centri di ricerca europei che lavoreranno allo sviluppo di terapie a base di linfociti ingegnerizzati contro il nuovo coronavirus

L’obiettivo è ambizioso: comprendere la risposta dei linfociti T all’infezione da nuovo coronavirus e modificarli con tecniche di ingegneria cellulare per aiutarli a sconfiggere Sars-CoV-2. Per raggiungerlo, la società telefonica spagnola Cellnex Telecom ha deciso di finanziare con 5 milioni di euro un consorzio di centri di eccellenza europei nel campo delle terapie geniche e cellulari. L’accordo è stato firmato mercoledì da Joseph M. Campistol, direttore generale dell’Hospital Clìnic de Barcelona – capofila del consorzio – e Tobías Martínez, amministratore delegato di Cellnex Telecom. In questa giornata l'Irst ha ricevuto anche la visita dell'assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini, alla presenza anche del sindaci del territorio Roberto Cavallucci (Meldola), Enzo Lattuca (Cesena), Gianluca Zattini (Forlì), Michele De Pascale (Ravenna) e Andrea Gnassi (Rimini).

Tra gli enti che parteciperanno al progetto, oltre al capofila, ci sono, oltre all’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (Irst) di Meldola, l’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano, l’Institute of Regenerative Medicine and Biotherapies di Montpellier e l’Hospital Universitario Gregorio Marañón di Madrid. Il progetto durerà due anni e si concentrerà su due strategie terapeutiche distinte, che si basano entrambe sull’ingegnerizzazione dei linfociti T: da un lato aiutare il sistema immunitario dei pazienti a riconoscere e colpire le cellule infettate dal virus, dall’altro ridurre lo stato iper-infiammatorio che caratterizza le forme più gravi della malattia.

L’idea innovativa è quella di reinventare tecnologie messe a punto per la lotta ai tumori – come le Car-T – e usarle per aiutare l’organismo a rispondere in modo efficiente all’infezione. Per modificare con successo le cellule del sistema immunitario però, è necessario prima capire di più della loro azione nelle varie fasi dell’infezione. Questo sarà possibile anche grazie ai campioni biologici raccolti dall’Irst nel contesto dello studio "Corsa".

"Nella consapevolezza che stiamo vivendo una situazione inedita, abbiamo deciso di agire in modo inedito e allocare risorse straordinarie a uno sforzo scientifico cooperativo tra ospedali e centri di ricerca europei. L’obiettivo è trovare nuove opzioni terapeutiche per i pazienti Covid-19", afferma Tobias Martinez, Ceo di Cellnex. "Ma si tratta di un progetto che potrebbe avere ripercussioni anche per nel trattamento di altre patologie di origine virale.” 

“Siamo onorati di rappresentare l’Italia, insieme all’Ospedale San Raffaele, in un progetto così importante ed ambizioso, capace di raccogliere centri di valore internazionale e che sicuramente avrà ricadute anche in ambito oncologico” commentano il professor Giovanni Martinelli, direttore scientifico dell’Istituto Tumori della Romagna Irst Irccs e  Massimiliano Mazza, biotecnologo del Laboratorio di Bioscienze Irst Irccs impegnato nello sviluppo preclinico di anticorpi terapeutici e terapie cellulari antitumorali.

"La scelta, per un Irccs oncologico qual è Irst, di aderire a questo studio preclinico è, anzitutto, dettata dall’impatto nefasto che il coronavirus ha sulle persone affette da tumore; una fascia di pazienti già portatori di fragilità gravi e particolarmente sensibili alla severità dei sintomi del Covid-19. La comprensione della risposta immunitaria nei pazienti Covid-19 ci consentirà di proteggere meglio i nostri malati. In più, lo sviluppo di terapie cellulari anti-Covid-19 getta le basi per approcci terapeutici di tipo cellulare che utilizzino l’ingegneria genetica a scopo terapeutico proprio contro il cancro", concludono.

Il progetto di ricerca

Nella risposta dell’organismo al nuovo coronavirus non c’è solo la componente umorale – legata cioè alla produzione degli anticorpi – ma anche una componente cellulare. Una volta prodotti gli anticorpi, infatti, sono i linfociti T a giocare un ruolo fondamentale: sono loro a dover attaccare con successo le cellule infettate da Sars-CoV-2 senza produrre eccessivi danni agli altri tessuti. 
L’obiettivo del progetto di ricerca avviato grazie al finanziamento di Cellnex Telecom è proprio quello di comprendere meglio il ruolo di queste cellule nel combattere il virus e trovare il modo di aiutarle nel loro lavoro, da un lato rendendole più abili nel riconoscere le cellule infettate da Sars-CoV-2, dall’altro riducendo il rischio che forniscano una risposta immunitaria eccessiva e iper-infiammatoria, come si osserva in molti pazienti con forme gravi di Covid-19.

Il primo passo sarà selezionare e isolare dai campioni biologici raccolti dai pazienti Covid, i linfociti T in grado di reagire alla presenza di cellule infettate dal nuovo coronavirus e, soprattutto, capire quali sono i recettori coinvolti in questo processo di riconoscimento. Una volta identificati questi recettori, i ricercatori utilizzeranno tecniche di ingegneria genetica, come le forbici molecolari Crispr-Cas9, per ingegnerizzare delle cellule T e renderle più sensibili alla loro presenza e quindi più efficaci contro il nuovo coronavirus.  Infine, sempre partendo dallo studio dei campioni biologici raccolti dai pazienti con le forme più gravi di Covid-19, i ricercatori svilupperanno delle strategie per controllare meglio la risposta iper-infiammatoria che si osserva nei pazienti più critici. Anche in questo caso verranno utilizzate delle terapie cellulari, basate però sull’impiego delle cellule T regolatorie, che hanno lo specifico compito di modulare la risposta immunitaria.

Irst nel nome di Amadori: la proposta dei sindaci

Incontrare e ringraziare il personale, confrontarsi con i vertici dell’Istituto per raccogliere richieste e suggerimenti e portare l’orgoglio della Regione per l’attività di ricerca di altissimo livello che costituisce un fiore all’occhiello della sanità dell’Emilia-Romagna. Con questi obiettivi l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, si è recato all’Istituto Tumori della Romagna.  "Visitare proprio questo Istituto- ha affermato Donini- che da sempre rappresenta un fiore all’occhiello del sistema sanitario e di ricerca dell’Emilia-Romagna, acquisisce ancora più significato nel giorno in cui di fatto entra a far parte, unica struttura in Italia con il San Raffaele di Milano, di un consorzio d’eccellenza a livello europeo impegnato nel contrasto al Covid-19. Un motivo di orgoglio innanzitutto per il personale, straordinario, grazie alle cui competenze è arrivato questo riconoscimento, ma anche per la Regione, che nella ricerca ha investito e continuerà ad investire con risorse, apparecchiature d’avanguardia e - prima di ogni altra cosa - nuove assunzioni. Il mio grazie, e quello di tutta comunità regionale, va anche al personale sanitario, i medici, gli infermieri e i tecnici, per il grande impegno profuso in questi mesi di emergenza, che ha fatto dell’Irst Irccs di Meldola una struttura ‘Covid free’”. La visita è iniziata con un incontro con il presidente, Renato Balduzzi, e le direzioni Irst, e proseguita in aula magna con gli organi di governo dell’Irst, a partire dai soci di parte pubblica e privata, e i sindaci del territorio: Roberto Cavallucci (Meldola), Enzo Lattuca (Cesena), Gianluca Zattini (Forlì), Michele De Pascale (Ravenna) e Andrea Gnassi (Rimini). E proprio dagli amministratori locali è stata espressa la volontà di intitolare l'Istituto al professor Dino Amadori, recentemente scomparso, che ne è stato il fondatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora è ufficiale: da domenica Emilia Romagna in zona gialla. Bar e ristoranti riaprono fino alle 18. Poi solo asporto o consegne a domicilio

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • Un alleato contro il Coronavirus? Vitamina D, cos'è e come assumerne di più

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

Torna su
ForlìToday è in caricamento