Lucia e l'amarezza dell'ultimo giorno di scuola "anti-climatico": "Mi è mancata l'atmosfera di classe"

Lucia Martinengo è tra i liceali dello Scientifico che hanno concluso i cinque anni di studi col massimo dei voti

"Fino all'ultimo ho cercato di non crearmi aspettative". Ma alla fine l'impegno ha premiato Lucia Martinengo, tra i liceali dello Scientifico che hanno concluso i cinque anni di studi col massimo dei voti. Lucia si reputa "una persona che si impegna sempre al 100%, determinata e, a volte, testarda. La curiosità è ciò che che mi ha sempre guidato e mi ha reso ciò che sono oggi". 

Quali sono le sue passioni?
Oltre alle materie scolastiche a cui ovviamente sono appassionata, come matematica o scienze, mi piace passare il mio tempo libero con gli amici, ma riservando dei momenti anche per me stessa. Sono appassionata di letteratura e poesia, amo viaggiare e conoscere culture nuove, e cerco sempre di ampliare i miei orizzonti dal punto di vista sociale, umanitario e intellettuale.

E' stato un anno molto impegnativo, giusto?
L'ultimo anno è stato sicuramente un anno speciale sotto molti punti di vista: non so se lo definirei più impegnativo dal punto di vista scolastico, ma senza dubbio lo è stato dal punto di vista mentale.

Ma nonostante tutto è arrivato il 100. Se lo aspettava?
Fino all'ultimo ho cercato di non crearmi aspettative, però sapevo di essermi impegnata al massimo, e anche senza raggiungere il 100 mi sarei sentita soddisfatta e fiera dei miei risultati.

E' un risultato che ha richiesto qualche sacrificio?
Ho avuto la fortuna di avere una grande quantità di tempo libero e poche occasioni di uscire a causa della quarantena, il che mi ha permesso di dedicare più tempo allo studio.

La didattica a distanza, giocoforza, ha rappresentato una novità. Ha avuto difficoltà?
Ha presentato i problemi che già sono noti, in particolare, nel mio caso, legati alla stabilità della connessione che spesso non permetteva di seguire al meglio le videolezioni. Nonostante questo bisogna riconoscere l'impegno e la disponibilità dei nostri professori, che si sono dati da fare per rendere efficace lo studio da casa.

Come ha vissuto l'ultimo giorno al liceo?
L'ultimo giorno è stato decisamente anti-climatico.

Cioè?
Malgrado il tentativo di creare un "evento" virtuale, ho sentito la mancanza dell'atmosfera di classe. Mi è dispiaciuta l'assenza di alcune tradizioni, come le firme nell'annuario, i cori di "Notte Prima degli Esami", le sfilate delle quinte e i saluti finali pre-esame.

E adesso cosa farà?
Ora posso pensare alle guide per la patente, che ho dovuto rinviare a causa della quarantena, per poi concentrarmi sull'università. Prima di dedicarmi completamente allo studio, però, voglio godermi l'estate, riservando del tempo a me stessa, alle mie amicizie e alle mie passioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento