La prof guerriera contro il cancro: la Sammartinese Volley combatte al fianco di Luisa

Sabato 23 marzo dalle 14 alle 18, al Pala Marabini, in Viale dell’Appenino 498, le atlete del settore giovanile daranno vita ad un torneo contro i genitori

La Sammartinese Volley mette in campo le sue atlete e tutti gli appassionati di pallavolo a favore della raccolta fondi che consenta alla professoressa Luisa Stracqualursi di continuare la sua battaglia contro il cancro. La docente riminese, 50 anni, è affetta da un carcinoma al seno in stato avanzato e necessita di cure specifiche praticate solo negli Stati Uniti. Sabato 23 marzo dalle 14 alle 18, al Pala Marabini, in Viale dell’Appenino 498, le atlete del settore giovanile daranno vita ad un torneo contro i genitori.

LA BATTAGLIA DI LUISA: APPELLO PER LA RACCOLTA FONDI

Questo sarà solo l’inizio di un lungo pomeriggio che vedrà l’alternarsi di studenti, universitari ed amanti del volley, nella speranza di poter raccogliere piu’ fondi possibili da devolvere interamente sul conto corrente aperto a favore della docente. Il prezzo d’entrata sarà di 5 euro, con la possibilità di fare un’ulteriore offerta libera. Inoltre verrà allestito un ricco buffet, anch’esso a pagamento, per terminare nel modo migliore la giornata di festa.

IL VIDEO DELLA PROF GUERRIERA: "OGNI CONTRIBUTO E' FONDAMENTALE"

"L’iniziativa, nata dal nuovo Consiglio Direttivo appena insidiatosi, vuole coniugare i valori sportivi, con l’aspetto umano e sociale, cercando di farsi promotore di iniziative che vadano ben oltre l’aspetto agonistico e che possa essere il punto di partenza per una riflessione collettiva sui veri valori, talvolta bistrattati - spiegano dalla Sammartinese -. Nella speranza di essere la prima Società sportiva forlivese a fare da apripista".

La storia di Luisa sta commuovendo tutta la Romagna. "E' una lotta difficile sia per me che per tutte le donne che la stanno vivendo - ha affermato martedì sera la docente al Romeo Neri di Rimini, dove la società calcistica biancorossa le ha donato un assegno a firma del presidente Giorgio Grassi -. Purtroppo sono stata sfortunata e la malattia è andata avanti. Sto quindi cercando di tentare una terapia sperimentale negli Stati Uniti, che sta dando ottimi risultati. Spero di raccogliere i fondi per poterla fare. Questo aiuto del Rimini per me è importante. Sono felice di essere qui". Quindi parole che siano da lezione per tutti: " Non bisogna arrendersi davanti alle difficoltà della vita. Sono cose che capitano purtroppo. La forza si trova nel condividere e dall'essere uniti. Abbiamo tutti bisogno gli uni degli altri".

RACCOLTA FONDI PER LUISA: CLICCA QUI PER DONARE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento