Lunghe file da Alea con l'arrivo delle prime bollette: "Revisionate lo 0,77%, dati fisiologici"

“Alcune questioni, sollevate dagli utenti, relativamente a dati non congrui rientrano in una situazione fisiologica: come in ogni cambio di  gestione ci sono stati alcuni disallineamenti anagrafici"

“Alcune questioni, sollevate dagli utenti, relativamente a dati non congrui rientrano in una situazione fisiologica: come in ogni cambio di  gestione ci sono stati alcuni disallineamenti anagrafici dovuti ad una precedente banca dati non del tutto aggiornata o a metodi di gestione diversi fra TARI e Tariffa Puntuale, ma eventuali errori sono corretti prontamente”: è quanto riporta Alea in una nota. Con l'arrivo delle prime bollette dei rifiuti, infatti, in diversi si sono trovati di fronte a conteggi sballati e hanno affollato gli uffici della società, che però replica: “Solo lo 0,77% delle bollette sono state revisionate”.

Sempre la nota: “Si tratta comunque di poche segnalazioni che vengono gestite quando gli utenti lo comunicano o, diversamente, in sede di conguaglio nella prima fattura emessa presumibilmente a marzo 2020. Inoltre non sono previste sanzioni se la bolletta viene pagata entro 30 giorni dalla scadenza, quindi si invitano le persone a rivolgersi allo sportello in maniera progressiva. Si chiede gentilmente agli utenti collaborazione e pazienza durante l'attesa presso i Punti Alea, in questo momento di intensa attività”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le fatture arrivate a Forlì in questi giorni riguardano un acconto dei primi sei mesi dell’anno che è stato calcolato per i primi 3 mesi di transizione con il metodo "normalizzato", applicando le tariffe vigenti lo scorso anno in regime di tributo TARI, scorporando l'IVA e il tributo provinciale, e con i parametri relativi al numero componenti e riduzioni del nuovo Regolamento Tariffario. A partire da aprile è stato applicato il metodo “puntuale”, secondo le tariffe approvate dal Coordinamento soci e da Atersir, quindi tenendo conto della quota fissa in base ai soli abitanti, “pro die”, e per la quota variabile un acconto di 5 kg per abitante secondo la tariffa variabile approvata da Atersir.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Esce di strada e finisce con l'auto contro la recinzione di una casa: è grave

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

  • Piscine, acconciatori ed estetisti: una nuova ordinanza per chiarire i protocolli anti-Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento