Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Maglietta Auschwitzland a Predappio, la senatrice Segre: "L'odio inizia sempre serpeggiando"

"Vuole che io mi metta a piangere? Non piango mai. Però, davanti a una cosa del genere, piango per la persona che l'ha messa". Così la senatrice a vita Liliana Segre

"Vuole che io mi metta a piangere? Non piango mai. Però, davanti a una cosa del genere, piango per la persona che l'ha messa". Così la senatrice a vita Liliana Segre, a Bologna per un incontro con gli studenti sul tema 'Storia e memoria della Shoah' promossa dalla Fondazione Corriere della Sera, ha parlato di Selene Ticchi, militante (ora sospesa) di Forza Nuova che, a Predappio, ha indossato la maglietta con la scritta 'Auschwitzland'. La maglietta è finita al centro di una polemica politica che ha riportato alla ribalta la questione delle "commemorazioni nostalgiche" nela paese nataler di Benito Mussolini, contrastate - dopo decenni che si tenevano - negli ultimi anni dall'Anpi. 

Ai cronisti che prima dell'evento le hanno chiesto un'opinione sul rischio che quest'epoca diventi un'epoca di odio, Segre ha risposto: "Il grande odio, quello con tutte le lettere maiuscole, non ancora. Però l'odio comincia serpeggiando, non è che sia dichiarato subito l'odio. Comincia piano piano serpeggiando, poi può finire ad Auschwitz".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maglietta Auschwitzland a Predappio, la senatrice Segre: "L'odio inizia sempre serpeggiando"

ForlìToday è in caricamento