rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Tredozio

Il maltempo non dà tregua, frane e smottamenti in collina. "Il Governo stanzi risorse"

"Via Rocchigiana è stata gravemente danneggiata", afferma il sindaco di Tredozio e arlamentare di Forza Italia, Simona Vietina

L'entroterra forlivese ferito dall'ondata di maltempo che da oltre 24 ore non sta dando tregua. Frane e dissesti interessano tratti della viabilità comunale e provinciale a Tredozio, Civitella e Civorio. "Via Rocchigiana è stata gravemente danneggiata - afferma il sindaco di Tredozio e arlamentare di Forza Italia, Simona Vietina -. Stiamo valutando i danni e interverremo il più rapidamente possibile per ripristinare la viabilità ma su questi problemi pesa consistentemente la scarsità di risorse messa a disposizione del Governo per la manutenzione delle strade di montagna: con le poche risorse stanziate, in base alle fasce di popolazione e non agli effettivi chilometri di strade da gestire, e i tagli dei fondi ai Comuni, non è possibile far fronte alla manutenzione, cura e messa in sicurezza delle strade  con ripercussioni negative su tutta la sfera economica e sociale di chi vive in aree montane più soggette a dissesti idrogeologici e vulnerabili maggiormente agli eventi metereologici".

“Non intendo certo dire che la colpa delle piogge torrenziali sia nello specifico del Governo Conte - prosegue Vietina -, ma certe situazioni gravi come quella che sta vivendo il territorio di Tredozio si potrebbero evitare. Quanto accaduto in via Rocchigiana è in buona parte conseguenza della scarsa cura e dell’insufficiente pianificazione in tema di manutenzione: è necessario un impegno maggiore da parte dei Ministeri competenti nell’erogare somme adeguate alla cura di bacini e fiumi, e della montagna in generale. Una pianificazione adeguata permetterebbe anche di risparmiare perché, com’è noto, la manutenzione preventiva è molto meno costosa di quanto non sia intervenire quando il danno, come oggi, è fatto".

Emergenza maltempo
Allagamenti in via della Grotta: la paura dei residenti
Con le piogge tracima la diga di Ridracoli
Frane e smottamenti sulle strade provinciali
Circolazione dei treni sospesa per la giornata
Nuova allerta rossa per la giornata di martedì

I VIDEO
Il fiume Montone in piena a Schiavonia
Finisce sott'acqua la pista ciclo-pedonale del Montone
Si rompe l'argine sotto il ponte dell'A14
La cascata della diga di Ridracoli
Via della Grotta: i cittadini tremano per le loro case
La piena eccezionale del Montone: 7,71 metri
Montone, il punto della passerella completamente sommersa
Allagamenti al Parco Urbano a ridosso dell'argine
Acqua in strada in via Lughese

"Proprio su questo tema - prosegue Vietina - ho recentemente interrogato l’Esecutivo a proposito dei fondi messi a disposizione delle comunità dell’Emilia Romagna per la cura e il mantenimento delle strade di montagna. Appena il 30% dei 7 milioni di euro destinati alla manutenzione straordinaria sarà destinato alle superfici territoriali classificate montane. I contributi vanno dai 40.000 euro per i comuni con popolazione inferiore ai 2000 abitanti, fino ai 100.000 euro per quelli con popolazione fra i 10 e i 20.000 abitanti. Se si pensa alla vastità chilometrica delle strade di montagna in Italia ed in particolare in Emilia Romagna ci si accorge immediatamente che le risorse messe a disposizioni non siano sufficienti al giusto mantenimento e recupero stradale, in quanto ci sono comuni montani con territori molto vasti e molti chilometri di strada ma con un numero esiguo di abitanti. Con le poche risorse stanziate, in base alle fasce di popolazione e i tagli dei fondi ai Comuni, questi non riescono a far fronte alla manutenzione, cura e messa in sicurezza delle strade con ripercussioni negative su tutta la sfera economica e sociale di chi vive in aree montane più soggette a dissesti idrogeologici e vulnerabili maggiormente agli eventi metereologici”.

"Ritengo - conclude Vietina – che i fondi vadano erogati non in base alla popolazione di un determinato comune ma in correlazione all’estensione territoriale e ai chilometri di strade che ogni Comune deve gestire. A questo proposito ho chiesto al Governo quali iniziative di competenza intendano porre in essere per avviare una programmazione, di concerto con gli Enti locali, relativa agli interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle strade montane, individuando tali interventi in base alle priorità riscontrate e, soprattutto, se intendano rivedere i loro conti sulle cifre da stanziare. Secondo le stime degli operatori, infatti, un finanziamento chilometrico sensato si aggira intorno ai 1500 euro per chilometro, ben lontano da quanto previsto attualmente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il maltempo non dà tregua, frane e smottamenti in collina. "Il Governo stanzi risorse"

ForlìToday è in caricamento