Lunedì, 15 Luglio 2024
Tour de France / Santa Sofia

Il maltempo non mette ko le strade del Tour de France: "Dopo 25 anni rimessa a posto la Sp3 fino al passo"

I disagi causati dal violento nubifragio di lunedì non rovineranno la gara di sabato che sarà un evento unico in Romagna. Il consigliere provinciale Valbonesi: "Sarà una festa per tutti e servirà per promuovere l'entroterra"

Il maltempo che sta colpendo l’entroterra Forlivese e Cesenate in questi giorni non ha messo a rischio il passaggio del Tour de France nella vallata previsto nel primo pomeriggio di sabato. Qualche problematica c’è comunque stata, ma la Protezione Civile ha lavorato per pulire il percorso di gara e per risolverle e dunque i ciclisti saranno accolti nel migliore dei modi. Per fortuna che frane o smottamenti non hanno reso inagibili le strade, perché gli organizzatori del Tour de France hanno ribadito anche in una call svoltasi nel primo pomeriggio con i sindaci delle città attraversate dall'evento sportivo, che non esistono ‘piani B’ e che dunque il percorso della tappa Firenze – Rimini, non potrà in nessun caso essere cambiato.

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

I ciclisti entreranno nella Provincia di Forlì-Cesena tra le 13.54 e le 14.02 di sabato, e il transito a Giumella è atteso tra le 14.09 e le 14.18, poi sarà la volta di Premilcuore, Ponte Fantella e Strada San Zeno. Tra le 14.31 e le 14.43 ci sarà il passaggio al Passo delle Forche (Provinciale 24), quindi si transiterà a Galeata lungo la Bidentina tra le 14.35 e le 14.47 e per raggiungere Santa Sofia tra le 14.44 e le 14.57. Infine ci sarà il Passo del Carnaio prima di puntare a San Piero in Bagno ed entrare nel Cesenate. Gli atleti attraverseranno la Vallata del Savio a partire dalle 15 fino alle 16.15 circa e su questo tratto sono previsti due Gran Premi della Montagna dei 67 previsti nel Tour: Carnaio e Barbotto.

"I lavori per preparare le strade al Tour de France sono iniziati da tempo - spiega Daniele Valbonesi, consigliere provinciale delegato alla viabilità - e gli interventi come la pavimentazione sono già stati portati a termine. In questi giorni ci saranno soltanto piccoli lavori come gli sfalci d'erba o l'inserimento di segnaletica orizzontale. Per fortuna gli eventi meteorologici di inizio settimana non hanno provocato gravi problematiche e tutto verrà risolto in vista del fine settimana. La strada più colpita è stata la SP3 Rabbi nella zona di Premilcuore, ma tutto sarà risolto, come il dissesto creatosi tra San Zeno e Premilcuore. Sulla SP26 in prossimità del Carnaio tra Santa Sofia e Bagno di Romagna ci sarà una restrizione dovuta ad un cantiere che partirà a metà luglio, ma gli organizzatori del Tour de France lo sono già venuti a visionare e hanno dato il loro benestare".

"Non resta che godersi questo evento sportivo che è il più importante dopo Olimpiadi e Mondiali che si svolgono ogni quattro anni. Credo sia una festa per tutti e una ottimale promozione per il nostro entroterra. La Provincia ha investito due milioni per un evento così importante per il territorio, di cui 900mila sono arrivati dalla Regione, e abbiamo anche ripavimentato la SP3 Rabbi che da Premilcuore porta alla Toscana, una strada al limite della praticabilità su quale non si interveniva da venticinque anni.

Andando nello specifico, questa è la situazione delle strade del Forlivese che saranno toccate dal Tour de France.“Non ci saranno problemi per il passaggio da Premilcuore – afferma il sindaco Sauro Baruffi – perché le strade sono state pulite e tolto il fango. L’unica modifica sarà una restrizione di 50 cm sul rettilineo nella località La Castellina, dove verranno installati tre new Jersey che consentiranno l’attraversamento non dando disagi ai ciclisti. Anche le attività che stiamo organizzando per festeggiare il passaggio del Tour de France si svolgeranno regolarmente”.

Una situazione simile è anche a Santa Sofia. “A Santa Sofia non ci sono stati disagi lungo la strada che coinvolgerà la corsa ciclistica – sottolinea la sindaca Ilaria Marianini –. Il maltempo ha toccato altre zone, in cui si sta lavorando per risolvere le problematiche. Proprio in vista del maltempo, abbiamo deciso di rinviare di qualche giorno l’allestimento con decorazioni di colore giallo per il passaggio del Tour de France”.

Più difficile è la situazione a Galeata, dove il maltempo si è abbattuto violentemente, ma anche in questo caso il Tour de France non è a rischio. “Galeata è stata colpita in maniera pesante, ma ci siamo subito mossi per aiutare le persone che hanno avuto disagi - dice la sindaca Francesca Pondini –. Alcuni sono rimasti bloccati in via Versari a causa delle frane, altri in Borgo Pianetto sono rimaste senza luce, zona che insieme a via Madonna dell’Umiltà è stata maggiormente coinvolta. Molte abitazioni hanno avuto la cantina allagata e stiamo lavorando per aiutarle". 

"Anche le strade che saranno attraversate dal Tour de France non sono state risparmiate ed infatti il tratto della Provinciale 3 del Rabbi tra San Zeno e Premilcuore, all'altezza di Fantella, è stata temporaneamente chiusa, ma ora la circolazione è tornata alla normalità. Nelle prossime ore inizieremo a colorare Galeata di giallo con bandierine e biciclette in tutte le vie ed inoltre abbiamo stampato 2.500 magliette che distribuiremo gratuitamente con scritto ‘Gale saluta il Tour’. Ci sarà anche una mongolfiera che sarà a disposizione di tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il maltempo non mette ko le strade del Tour de France: "Dopo 25 anni rimessa a posto la Sp3 fino al passo"
ForlìToday è in caricamento