menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manifesti politici abusivi contro Di Maio: nuovo raid del "Ministero della verità"

Manifesti abusivi sono comparsi giovedì mattina in alcuni punti della città, tra cui un cavalcavia e lungo le pareti delle palestre del liceo scientifico

Manifesti abusivi sono comparsi giovedì mattina in alcuni punti della città, tra cui un cavalcavia e lungo le pareti delle palestre del liceo scientifico, in via Aldo Moro, ritraenti la faccia del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, nonché ex capo politico del Movimento 5 Stelle. I manifesti sono firmati da un sedicente 'Ministero della Verità'. Non è la prima volta che si sono verificate affissioni di questo tipo, a  Forlì come in tutt'Italia. Nei mesi scorsi anche Laura Boldrini e Giuseppe Conte erano stati messi nel mirino dagli stessi ignoti autori, con le medesime modalità grafiche. Si tratta di gruppi politici afferenti all'area dell'estrema destra, secondo le ipotesi della Digos.

Gli attacchinaggi abusivi sono avvenuti nella notte tra mercoledì e giovedì. Come nelle precedenti versioni, il manifesto reca la scritta 'Pensa come vuoi, ma pensa come noi'. Cambia invece la frase attribuita alla persona ritratta, in questo caso Di Maio. Identici manifesti sono stati segnalati giovedì mattina anche a Cesena, Torino, Trieste e Termoli tra gli altri. Il Ministero della Verità è un'immagine letteraria tratta dal libro '1984' di George Orwell. Nel testo è una delle istituzioni del controllo sociale dello stato immaginario di 'Oceania', occupandosi di propaganda e di plasmare le menti. L'affissione abusiva dei manifesti di propaganda politica è stata rilevata dalla Digos della Questura di Forlì, ai fini di indagine e documentazione, per poi essere segnalata per la più celere rimozione.

manifesto di maio 2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento