Cronaca

E' forlivese il campione mondiale di plogging, la corsa con annessa la raccolta dei rifiuti

Praticamente uno sport dove si corre e si raccoglie lo sporco che si trova per strada, tipo bottigliette di plastica, mascherine, guanti. Con grande stupore, il forlivese ha stracciato un tedesco

Attore, regista, scrittore, e ora, Marco Cortesi, è anche campione mondiale di plogging. Plogging? Sì, praticamente uno sport dove si corre e si raccoglie lo sporco che si trova per strada, tipo bottigliette di plastica, mascherine, guanti. Con grande stupore, il forlivese ha stracciato un tedesco molto agguerrito e si è piazzato al primo posto nella categoria Running under 45.

"Io ho sempre avuto un'attenzione verso l'ambiente e in più amo correre - spiega Marco Cortesi - Così andavo a correre e vedendo qualcosa per terra lo raccoglievo e poi lo buttavo quando incontravo il primo bidone. Guardando su internet ho visto che questo comportamento aveva un nome, inventato da uno svedese, e in questi ultimi anni era diventato una specie di sport praticato in tutto il mondo. In Italia il testimonial è Roberto Cavallo che si è trasformato in attivista, fondando Keep clean and run (letteralmente "Pulisci e corri"). Da cinque anni organizza un campionato nazionale in cui i corridori hanno l'obiettivo di raccogliere da terra la spazzatura abbandonata nell'ambiente e quest'anno, per la prima volta, è stato aperto a tutto il mondo. E io, un po' per gioco, ho partecipato".

Marco Cortesi ha iniziato a correre alle 7.30 di mattina per finire alle 21, concedendosi alcune pause in cui, oltre a bere e a prender fiato, portava a casa il sacco pieno di immondizia. Alla fine, stremato, è riuscito a togliere dalla strada 26 chili di plastica abbandonata e portarla a casa per essere poi riciclata. "Ho riempito 4 sacchi condominiali da 120 litri - racconta Marco - La mia fortuna è stata correre lungo le strade tra Carpena, Forlimpopoli e Meldola, costeggiate tutte da fossati. Lì, visto che nemmeno gli spazzini più bravi riescono ad arrivarci, ho trovato veramente molti oggetti di plastica, tra cui bottigliette, mascherine, guanti, tappi. E così, a fine gara, ho portato a casa il peso di rifiuti più alto di tutti i concorrenti della mia categoria, assicurandomi il podio. E' stata una vittoria veramente inaspettata".

Ma come avete fatto a testimoniare la validità della corsa e la raccolta di rifiuti? "Eravamo dotati di una piccola telecamera attaccata alla fronte che registrava tutto ciò che facevamo e poi, visto che non era una gara in cui si vinceva denaro, la giuria si è basata anche sulla fiducia. Io alla fine ho corso per 6 ore e mezza e ho raccolto, come detto, 26 chili di plastica".   E cos'hai vinto? "Penso una fornitura di pane e di birra messa a disposizione dai vari sponsor dell'iniziativa. Eppoi una medaglia, ovviamente in materiale riciclato". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' forlivese il campione mondiale di plogging, la corsa con annessa la raccolta dei rifiuti

ForlìToday è in caricamento