rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
100 e maturi

Marilia e il suo cammino da centista allo Scientifico: "Affrontare le nuove sfide a testa alta ripaga sempre"

"Riguardando il mio percorso finita la maturità vedo che ho imparato molto, anche dal punto di vista umano, come il valore dell'amicizia e del lavoro di squadra", confessa

Tra le "mature" del Liceo Scientifico di Forlì col massimo dei voti c'è anche Marilia Merendi. Si descrive come "una ragazza curiosa e molto creativa. La mia passione è l'arte, disegno e dipingo da sempre e amo visitare musei e mostre. Altri miei hobby sono la lettura e i videogiochi".

Cosa l'ha spinta 5 anni fa a scegliere lo Scientifico?
Cinque anni fa ero molto indecisa sulla scuola superiore, quindi ho optato per il liceo scientifico in quanto reputato quello che dà maggiore possibilità di scelta nell'ambito universitario, oltre che per il fatto che mi piacevano le scienze naturali e la matematica.

Le materie preferite?
Alla fine della quinta le mie materie preferite erano arte, matematica e inglese.

Come descrive il suo 100?
Guardo al mio cento con grande soddisfazione, come al coronamento di un impegno costante durante questi cinque anni. Dietro ci vedo tutti i pomeriggi di studio e i periodi in cui credevo di non farcela, ma anche la passione per molti argomenti, il bagaglio culturale che mi sono formata e il metodo di studio che ho acquisito. Dopo tanti momenti difficili, soprattutto durante la pandemia, volevo vivere l'esame di maturità nel modo più sereno possibile e sono felice di poter dire che è stato così.

La lezione più importante ricevuta in questi anni?
La lezione più importante ricevuta in questi anni è il non arrendersi mai e affrontare le nuove sfide a testa alta, perché ripaga sempre.

Che bilancio ha tratto al termine della maturità?
Riguardando il mio percorso finita la maturità vedo che ho imparato molto, anche dal punto di vista umano, come il valore dell'amicizia e del lavoro di squadra. Sono fiera di essere riuscita a conciliare lo studio con le mie passioni e tornando indietro sceglierei ancora lo scientifico, che mi ha dato tante soddisfazioni e ricordi meravigliosi.

Cosa c'è nel suo immediato domani?
Per i prossimi due mesi lavorerò in un paesino di montagna e a settembre mi trasferirò a Cesena per frequentare Ingegneria e Scienze Informatiche (vorrei riuscire a unire la mia passione per le arti visive con la programmazione). Sono tutte scelte un po' "estreme" perché non ne ho alcuna esperienza precedente, ma appunto viva la sfide e avanti a testa alta!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marilia e il suo cammino da centista allo Scientifico: "Affrontare le nuove sfide a testa alta ripaga sempre"

ForlìToday è in caricamento