rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Galeata

Matteo Salvini apprezza il vino della val Bidente: visita allo stand della "Pertinello"

"Gli abbiamo offerto un Pertinello annata 2016, un Sangiovese in purezza - spiega Filippo Leoni, responsabile della Tenuta - il vino romagnolo per eccellenza e di una qualità superiore"

Dal Vinitaly sono arrivate grandi soddisfazioni e conferme per i vini della Tenuta Pertinello, l'azienda vitivinicola di Galeata che da 12 anni opera nel settore e che ha messo in mostra due 'chicche' della produzione: il Metodo Classico Extra Brut, proveniente da uve Sangiovese vinificate in bianco, e il Pinot Nero. Due prodotti insoliti per un territorio come la Romagna e di grande qualità. Tanto che anche il leader della Lega, Matteo Salvini, si è voluto fermare nello stand per gustare tutta la bontà del vino targato val Bidente.

"Gli abbiamo offerto un Pertinello annata 2016, un Sangiovese in purezza - spiega Filippo Leoni, responsabile della Tenuta - il vino romagnolo per eccellenza e di una qualità superiore. Lui ha gradito e, come spesso capita a chi è abituato a bere vini dei territori più classici, si è un po' stupito che anche in Romagna ci fossero vini così buoni. Ovviamente ci ha fatto molto piacere che tra tutti gli stand della Romagna si sia fermato anche nel nostro. Per noi è una conferma che stiamo lavorando bene e che quella passione che ogni giorno ci dà la spinta per fare sempre meglio, viene apprezzata anche dai consumatori".

Matteo Salvini visita la "Tenuta Pertinello"

 "Siamo stati i primi in Romagna a vinificare con metodo Classico sbiancando le uve Sangiovese - continua Leoni - solitamente la bollicina in Romagna si fa col trebbiano. Vista la felice posizione geografica, al confine con la Toscana, tra i 350 metri e i 450 e con alte escursioni termiche anche d'estate, nel 2009, noi abbiamo iniziato a provare a produrre il Metodo classico ed è venuto fuori un prodotto di grande qualità".

Per restare aggiornati in tempo reale scaricate la nostra APP, sia su Google Play che su Apple Store

Tutte le uve hanno la certificazione biologica, vengono raccolte a mano e selezionate con estrema cura. La produzione avviene con metodo naturale, non industrializzato per lasciare intatta l'energia del sole e la sostanza della terra. Il Metodo Classico ha già avuto molti riconoscimenti: è stato inserito nella guida del Corriere della Sera, ha ottenuto la medaglia di bronzo Decanter, è stato protagonista lo scorso anno del Merano Winefestival.

Successo per i vini del Pertinello al Decanter World Wine Awards

"Anche per quanto riguarda il Pinot Nero siamo stati i primi a produrlo in Romagna - conclude Leoni - la prima annata è stata nel 2012, avevamo provato a innestare alcune viti ed è venuto subito un vino molto buono. Così abbiamo messo un altro ettaro. A oggi continua a essere una produzione limitata a un migliaio di bottiglie, anche se per i prossimi anni abbiamo previsto di allargarci con altri quattro ettari tra Pinot Nero, Sangiovese e una novità che ancora non sveliamo”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Salvini apprezza il vino della val Bidente: visita allo stand della "Pertinello"

ForlìToday è in caricamento