rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
100 e maturi

Greta, una lode da rock: "Non sono i voti a fare la differenza nella vita, ma le competenze"

"Ho scelto questo indirizzo in quanto sono sempre stata appassionata delle lingue e questo percorso formativo mi ha offerto di imparare tre lingue straniere", racconta Greta

Tra i centisti dell'istituto tecnico economico "Matteucci" di Forlì c'è Greta De Carlo, diplomatasi nell'indirizzo Relazioni internazionali per il marketing. "Ho scelto questo indirizzo in quanto sono sempre stata appassionata delle lingue e questo percorso formativo mi ha offerto di imparare tre lingue straniere (inglese, spagnolo e francese) grazie a tre insegnanti preparatissime nella propria materia", racconta.

Quali sono le sue lingue preferite?
Ho un amore per la lingua inglese e spagnola che nasce fin dalle scuole medie, mi è sempre piaciuto viaggiare nei paesi per poter entrare in contatto con la popolazione straniera e praticare ciò che ho appreso in questi cinque anni scolastici. 

E' stata impegnata in stage lavorativi? Che esperienza è stata?
Durante gli anni della scuola superiore ho avuto la possibilità di svolgere un solo stage lavorativo a causa Covid. In seconda superiore sono stata selezionata per uno stage nell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena, unica esperienza di alternanza scuola-lavoro in cui la scuola mi ha inserita. Personalmente l'ho trovata altamente formativa in quanto come primo approccio al mondo del lavoro ho compreso come gestire le varie mansioni e applicare ciò che avevo imparato negli anni di studio.

Arriviamo alla maturità: come l'ha vissuta?
Ho avuto la sensazione che questi cinque anni siano passati più in fretta di quello che pensavo. Ho vissuto l'ultimo anno in maniera più tranquilla di quel che mi aspettavo e ho trovato sempre un dialogo coi professori nei momenti di difficoltà nello studio. È stato certamente un anno duro a causa dello studio intensificato, particolarmente negli ultimi tre mesi scolastici, ma il mio impegno mi ha permesso di raggiungere il mio obiettivo che avevo già dalla prima superiore.

Il suo percorso di studi è stato coronato dalla lode: se lo aspettava?
Onestamente non mi aspettavo di raggiungere la lode, perchè trovavo l'esame estremamente difficile da come mi era stato descritto e consideravo impossibile fare un punteggio massimo.

Quale è stato il suo segreto?
Il mio segreto forse è stato proprio questo: ho studiato costantemente tutto l'anno e ho affrontato l'esame sapendo che, andasse come andasse, sarei stata comunque contenta di quello che ho imparato. Ritengo il voto relativamente importante in quanto le competenze e le conoscenze acquisite sono ciò che fanno la differenza nella vita e non un numero. 

Passioni oltre allo studio?
Nella vita privata, nonostante il tempo occupato dagli studi, ho molte passioni. La mia passione più grande è quella della musica rock e metal e le mie chitarre. Suono la chitarra elettrica dal 2018 e ultimamente ho avuto la fortuna di conoscere persone con i miei stessi interessi e con le quali condividere tempo e musica. Un'altra passione è la lettura di libri di genere fantasy, passione ereditata da mio padre la quale mi lega molto a lui fin dalle elementari. 

Quale strada intraprenderà dopo questo ciclo concluso?
Terminato il mio percorso scolastico, intraprenderò il percorso universitario nell'Università di Bologna campus di Forlì. Mi sono iscritta alla laurea triennale in "Economia e Commercio" indirizzo "Economia e Management", a seguito della quale poi valuterò se ottenere anche una laurea magistrale.

Come si vede da grande?
Se devo dire come mi vedo da grande, sicuramente risponderei felice, laureata e con una bella famiglia. Sarebbe bello poter dirigere un'azienda mia o comunque lavorare nel settore amministrativo e commerciale di un'azienda, magari entrando in contatto con la clientela estera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Greta, una lode da rock: "Non sono i voti a fare la differenza nella vita, ma le competenze"

ForlìToday è in caricamento