Maxi operazione contro la tv pirata in tutta Europa: coinvolti migliaia di utenti anche in Romagna

L'operazione denominata "Eclissi" mira a smantellare quei servizi pirata che consentono di usufruire gratuitamente di canali satellitari a pagamento convertendo il segnale analogico della pay tv in web-digitale.

Maxi operazione in tutta Europa contro la tv pirata: è scattata all'alba di mercoledì mattina ed è la più vasta operazione europea contro le tv pirata mai effettuata. L'obiettivo è quello di oscurare le IpTV illegali, che in Italia coinvolgono circa 5 milioni di utenti per un giro di affari stimato in oltre 30 milioni di euro all'anno. L'operazione denominata "Eclissi" mira a smantellare quei servizi pirata che consentono di usufruire gratuitamente di canali satellitari a pagamento convertendo il segnale analogico della pay tv in web-digitale.

L'IPTV è purtroppo molto in voga anche in Romagna, dove sono migliaia gli utenti che ne usufruiscono alimentando così il mercato illegale dei servizi televisivi e web.  L’operazione, condotta dalla Polizia, è coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma e a livello internazionale dalle Agenzie europee Eurojust ed Europol, con la cooperazione delle polizie e delle autorità giudiziarie anche di Francia, Paesi Bassi, Germania, Bulgaria e Grecia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Otto gli ordini europei di indagine per associazione a delinquere a carattere transnazionale emessi dalla Procura di Napoli. Soddisfazione da parte dell’Unione Nazionale Consumatori, per voce del presidente Massimiliano Dona: “La notizia è ottima. È fondamentale fare un salto culturale affinché i fruitori prendano atto che non si tratta di un innocuo tentativo di risparmiare qualche euro, ma di un vero e proprio reato gestito da organizzazioni sofisticate e ampie, che danneggia lo sport ma anche gli stessi consumatori che non sempre sono consapevoli di quello che rischiano"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Invasione di vespe e calabroni: i Vigili del fuoco tempestati dalle richieste di intervento

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • Centauro si schianta contro l'auto in svolta e viene sbalzato contro il guard-rail: è grave

  • La consegna del pane si conclude nella scarpata, fornaio ferito all'alba nello schianto

  • Rogo nella cucina di un appartamento del terzo piano, evacuata una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento