rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca

Medicina di genere: un laboratorio sulle patologie cardiovascolari

Ogni Laboratorio rappresenta la prima tappa di un percorso destinato, nel prossimo futuro, ad arricchirsi di eventi, anche in base a suggerimenti e stimoli che emergeranno dal confronto nei diversi territori

Genere e differenze di genere sono ormai riconosciuti come fattori che determinano salute. È noto come la medicina abbia avuto come unico modello di riferimento l’uomo per aspetti sia anatomici che funzionali e come i trial - anche pre - clinici - abbiano incluso finora le donne  in percentuali non statisticamente significative. La medicina attuale, consapevole che anche le prassi cliniche risentono di questa non equità della cura, si sta impegnando nello studio delle differenze sesso –genere e prefigura diversi cambiamenti in termini sia di diagnosi che di terapia. L’impegno verso una medicina di genere sta portando a concretizzare un’appropriatezza della cura rispettosa del diritto di equità di trattamento sia per uomini che per donne.

L’evento formativo, che si svolgerà all’ospedale di Forlì mercoledì 25 novembre rappresenta uno degli appuntamenti (gli altri si svolgeranno rispettivamente il 24 novembre a Bologna -Area Vasta Emilia Centro e il 26 novembre a Reggio Emilia - Area Vasta Emilia Nord) del “Laboratorio di ricerca/azione n.10” del Ciclo di LABORATORI FORMATIVI REGIONALI “Equità in sanità. I modelli, gli strumenti le pratiche” dell’Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale dell’Emilia-Romagna.

L’obiettivo di realizzare un’attività formativa professionale permanente per la conoscenza di problematiche specifiche, connesse alla diversità sessuale e di genere, rientra a pieno titolo tra le finalità della Legge n. 6/14 della Regione Emilia-Romagna. I Laboratori di Cardiologia di Genere derivano dalla constatazione che, al di là delle credenze popolari, le patologie cardiovascolari costituiscono la principale causa di morte tra le donne e che la diagnosi differenziale tra uomini e donne sta mettendo in luce nuove necessità di attenzione clinica.

Ogni Laboratorio rappresenta la prima tappa di un percorso destinato, nel prossimo futuro, ad arricchirsi di eventi, anche in base a suggerimenti e stimoli che emergeranno dal confronto nei diversi territori. I contenuti, proposti in sinergia nelle tre Aree Vaste della Regione, intendono analizzare lo stato dell’arte delle conoscenze e raccogliere dati e materiale, utili alla redazione di un Rapporto sulla Cardiologia di Genere, con suggerimenti e pratiche coerenti all’attenzione al genere

Conduttori  del laboratorio per l’ Azienda USL Romagna:

Marcello Galvani Direttore, UO Cardiologia 1, Ospedale Morgagni - Pierantoni, Forlì

Nicoletta Franco UO Cardiologia, Ospedale Infermi, Rimini

Paolo Sabbatani Dirigente Medico, UO Cardiologia, Ospedale Bufalini, Cesena

Anna Chiara Nuzzo UO Cardiologia, Ospedale S. Maria delle Croci, Ravenna


Per iscrizioni:

Inviare (la partecipazione è gratuita e i destinatari sono medici cardiologi, internisti, medici di medicina generale, infermieri ) entro il 18 novembre 2015, una e-mail con proprio nome, cognome, ruolo e Azienda di appartenenza a:
franca.chiocciolini@auslromagna.it
Segreteria organizzativa: Franca Chiocciolini
Tel. 0543 735207

         

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medicina di genere: un laboratorio sulle patologie cardiovascolari

ForlìToday è in caricamento