menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo scenario atteso per il 10 gennaio

Lo scenario atteso per il 10 gennaio

Meteo, assaggio di primavera nel cuore dell'inverno: nel weekend temperature fino a 20°

Sui rilievi la colonnina di mercurio potrà registrare valori tipicamente primaverili, con punte oscillanti tra 18 e 20°C. In pianura ristagnerà aria un po' più fredda

Inverno in stand-by almeno per le prossime due settimane. Dopo l'ondata di gelo, che ha portato la neve persino lungo la costa romagnola, lo scenario meteorologico vede l'avanzata delle correnti miti atlantiche, che nel weekend in arrivo determineranno un sensibile aumento delle temperature. Sui rilievi la colonnina di mercurio potrà registrare valori tipicamente primaverili, con punte oscillanti tra 18 e 20°C. In pianura ristagnerà aria un po' più fredda, in particolare sul settore nord-orientale, con valori intorno a 12 gradi.

"Per conoscere il tempo dei giorni successivi occorre guardare a quello che accade sull´America settentrionale, dove un poderoso afflusso di aria artica si spinge fino alla zona dei grandi laghi e ancora più a sud - spiega Paolo Mezzasalma, meteorologo dell'Arpa Emilia Romagna -. Il flusso d'aria in quota va pescare aria dalla zona tropicale nei pressi delle isole caraibiche che, grazie ai venti in quota molto intensi, è trasportata in pochi giorni verso le sponde opposte dell´oceano Atlantico. Sulle coste dell´Europa arriverà cosi una massa d´aria con temperature tra i 10 e i 12 gradi alla quota di 1500 metri".

"Da lì, piegando verso sud-est, il flusso è costretto a scavalcare le Alpi che determinano una caduta dei venti sul lato sottovento e un ulteriore riscaldamento dalla colonna d´aria - continua Mezzasalma -. La combinazione tra disposizione del flusso a larga scala e la presenza delle Alpi favorirà, quindi, un rilevante aumento delle temperature nella giornata di sabato. Nello stesso tempo è prevista la neve sul Mediterraneo orientale". L'inverno potrebbe tornare nella terza decade del mese, quando non si esclude la discesa di correnti fredde per l'elevazioni dell'anticiclone delle Azzorre verso latitudini più settentrionali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento