menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meteo, tanto caldo. Ma non è l'estate dei record

Che fine ha fatto la nuvola di fantozziana memoria? Se si esclude la breve parentesi perturbata della scorsa settimana, il mese di settembre prosegue su canoni quasi estivi

Che fine ha fatto la nuvola di fantozziana memoria? Se si esclude la breve parentesi perturbata della scorsa settimana, il mese di settembre sta proseguendo su canoni quasi estivi e senza piogge di rilievo. Anche per i prossimi giorni le prospettive non sono incoraggianti: di perturbazioni atlantiche non se ne vede davvero l'ombra e il dominio anticiclonico favorirà condizioni di tempo stabile e soleggiato, con temperature anomale per il periodo, con punte massime anche di 28°C.

La stabilità atmosferica insisterà almeno fino al termine della prima decade di ottobre. Quindi per i modelli matematici è attesa un’irruzione di aria fredda dall’Artico, che determinerà l’atteso cambio di circolazione. L’estate 2011 ha spiccato il volo dopo un luglio caratterizzato da condizioni di tempo perturbato e temperature inferiori alla norma. Da agosto l’anticiclone si è preso la scena, capitolando solo in due occasioni all’ingresso di flussi instabili.

Da giugno ad agosto l’anomalia negativa di precipitazioni non è stata particolarmente rilevante grazie alle piogge di luglio, mentre la temperatura media è stata di un grado superiore al periodo di riferimento ’71-2000. Per quanto concerne la sofferenza dell’invaso di Ridracoli, il cui volume mercoledì era al 27,94% (9.238.364 metri cubi), è anche da attribuire alle scarse piogge di aprile e maggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento