menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meteo, "neve chimica" e galaverna: venerdì temperature in aumento

Il freddo intenso degli ultimi due giorni ha le ore contate. Nelle prossime ore una discesa di aria artica, che punterà sull'Est Europa, richiamerà aria mite atlantica che farà alzare le temperature, soprattutto in quota

Il freddo intenso degli ultimi due giorni ha le ore contate. Nelle prossime ore una discesa di aria artica, che punterà sull'Est Europa, richiamerà aria mite atlantica che farà alzare le temperature, soprattutto in quota. Mancheranno ancora le piogge, che la Romagna tanto attende per fronteggiare un'emergenza idrica che si protrae da mesi e che può aver ripercussioni per la stagione estiva. Si aspetta che l'inverno, quello vero, prima o poi si faccia sentire anche dalle nostre parti.

A migliaia di chilometri di distanza dall'Italia, precisamente nelle steppe russe, si sta formando un autentico serbatoio di gelo. Un'eventuale spostamento verso le latitudini settentrionali dell'anticiclone delle Azzorre, stabile ormai da mesi dalle nostre parti, ed un'alleanza con l'alta pressione russa, creerebbe una sorta di corridoio con successiva discesa verso il Mediterraneo del freddo. Perchè questo accada è necessario anche un riscaldamento della stratosfera.

Venendo ai nostri giorni, anche quello di giovedì è stato un risveglio piuttosto gelido, con galaverna e neve chimica causata dal pm 10. Alle 7 i termometri dell'Arpa hanno registrato a Forlì una minima di -4,6°C, a Ravenna di -4°C e a Cesena di -5,3°C. A Rimini la minima è stata registrata alle 4, con la colonnina di mercurio scesa a -3,9°C. Nelle prossime ore è previsto un'attenuazione del freddo in pianura. L'ingresso della saccatura artica, come detto, richiamerà specie venerdì aria mite, che si manifesterà con venti di caduta dall'Appennino.

Le temperature massime sono attese in aumento. Sui rilievi si respirerà aria quasi primaverile, con la colonnina di mercurio che supererà i dieci gradi. Una nuova flessione è prevista per il weekend, quando i venti tenderanno a ruotare dai quadranti nord-orientali. Di notte le minime scenderanno anche sotto zero. Non si esclude il ritorno di foschie dense e banchi di nebbia, in dissolvimento nel corso della giornata.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlimpopoli, lavori su via Tagliata, usare percorsi alternativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento