menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nubifragio a Forlì, ecco cosa è successo: "Sistema temporalesco multicellulare"

Pierluigi Randi, meteorologo-previsore di MeteoCenter.it/Meteoromagna.com, commenta per RomagnaOggi.it-ForliToday il violento temporale che si è abbattuto giovedì sul territorio forlivese

"Dovremo comunque convivere ed attrezzarci a fronteggiare sempre più spesso in futuro fenomeni di questo tipo". Pierluigi Randi, meteorologo-previsore di MeteoCenter.it/Meteoromagna.com, commenta per RomagnaOggi.it-ForliToday il violento temporale che si è abbattuto giovedì sul territorio forlivese. Sono stati registrati 38.6 millimetri di pioggia a Forlì centro in poco più di due ore .Altre rilevazioni di tipo amatoriale, e quindi da verificare, riportano valori prossimi a 48 millimetri.

I PRECEDENTI DI GIUGNO - "Si tratta di valori indubbiamente significativi ma che non costituiscono dei record, nè a livello di precipitazioni massime giornaliere, nè per quanto concerne i valori cumulati orari - chiarisce Randi -. Infatti, considerando il solo mese di giugno, a Forlì si sono avuti dal 1980 ad oggi 84.6 millimetri il 12 giugno del 1994, 68 millimetri il 23 giugno del 1981 e 62.4 millimetri il 24 giugno del 1995 Ma nei mesi estivi, specie agosto, troviamo valori ancora più elevati".

I TEMPORALI PIU' VIOLENTI - Aggiunte Randi: "In tema di accumuli orari, in riferimento al periodo estivo, Forlì mostra come dati significativi un 67,8 millimetri registrato il 6 agosto del 1997, 55 millimetri il 2 luglio del 1954, 40,4 millimetri il 2 agosto del 1956 e 46,4 millimetri il 1961". Quella di giovedì si è trattata di un'ondata di maltempo attesa dagli esperti meteo. Chiarisce Randi: "La nostra regione è stata interessata dal passaggio, peraltro atteso, di un minimo depressionario in quota associato all’afflusso di aria fresca ed alquanto instabile, il quale dall’alto versane tirrenico si è portato in direzione del medio Adriatico".

COSA E' SUCCESSO - "Al suo transito è stata favorita diffusa attività temporalesca su tutta la regione - illustra il meteorologo -. Ma, mentre su lughese ed in genere sul ravennate,  i fenomeni sono risultati di debole-moderata intensità (a parte su faentino laddove sono caduti 26.8 mm di pioggia), sui comparti forlivese, cesenate e riminese essi hanno localmente raggiunto carattere severo, con intensi rovesci di pioggia. La maggiore intensità dei fenomeni su queste zone è stata favorita dalla loro vicinanza ai rilievi appenninici che normalmente in queste circostanze si comportano come una vera e propria “fabbrica” di celle temporalesche, le quali evolvendo verso est-nord-est in obbedienza alla direzione dei venti in quota, si sono portate anche sulle pianure di faentino, forlivese, cesenate e riminese".

SISTEMA MULTICELLULARE - "I temporali hanno trovato condizioni assai favorevoli al loro sviluppo grazie alla presenza di aria non particolarmente calda ma molto umida nei bassi strati, mentre in quota è affluita aria più fredda e secca. Si tratta di una condizione che facilmente porta all’innesco di sistemi convettivi particolarmente lungo i rilievi - ha chiarito Randi -. Proprio sul settore appenninico si è infatti formato, nelle prime ore del pomeriggio, un sistema temporalesco di tipo multicellulare, ovvero numerose celle temporalesche assai vicine le une alle altre ed in diversi stadi evolutivi che sovente si fondono in un unico ed esteso sistema. Le precipitazioni più intense non si hanno tuttavia lungo tutto il sistema, ma nelle zone interessate dalle singole celle nella fase di massimo sviluppo. In tal modo su forlivese, cesenate e riminese non sono mancate intense precipitazioni, con particolare riferimento ai capoluoghi".

EVENTO ESTREMO - Sottolinea l'esperto meteo: "Anche se non siamo in presenza di intensità record, dovremo comunque convivere ed attrezzarci a fronteggiare sempre più spesso in futuro fenomeni di questo tipo, assai localizzati, brevi, ma molto violenti e sono quasi sempre i più pericolosi, anche perché scarsamente prevedibili, al limite possono esserlo a livello di macro-area, ma non su un punto ben preciso". Quindi un'importante raccomandazione, soprattutto per gli addetti del settore: "Impariamo anche a non chiamarli “bombe d’acqua” poiché è un termine che scientificamente non esiste e che non ha alcun significato; al più possiamo usare il termine nubifragio".

PREVISIONI - "Ancora venerdì avremo la possibilità di temporali, specie su rilievi, fascia pedecollinare e pianure interne, ma con fenomeni che dovrebbero essere meno intensi rispetto a quelli di giovedì - annuncia Randi -. Pausa con tempo sostanzialmente buono e con temperature in aumento tra sabato e domenica, mentre lunedì potrebbero tornare i temporali già dalla mattinata e nel pomeriggio. Nuovo calo tra lunedì e martedì della prossima settimana".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento