menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polizia Stradale, Michele Pascarella cede il timone: crollano i morti sulle strade

Da lunedì al timone ci sarà il vice questore aggiunto Annalisa Mongiorgi. a capo della Polizia Stradale di Modena per 12 anni

"Mi sento come uno che va in pensione. Svesto l'uniforme da PolStrada per indossarne un'altra". Michele Pascarella, primo dirigente della Polizia di Stato, chiude il ciclo di cinque anni da comandante della sezione di Forlì e Cesena della Polizia Stradale, iniziato nel giugno del 2010, per assumere dal 2 febbraio l'incarico di dirigente del Commissariato di Polizia di Cesena. "Lascio con commozione - ha dichiarato Pascarella nel corso di un incontro con la stampa - perchè in questi anni si sono instaurati rapporti umani e professionali". Da lunedì al timone ci sarà il vice questore aggiunto Annalisa Mongiorgi. a capo della Polizia Stradale di Modena per 12 anni.

MORTI IN CALO - Notevoli gli sforzi compiuti nel campo della prevenzione degli incidenti stradali. Dal 2010, quando ci furono ben 54 decessi nel territorio provinciale, è iniziato un costante calo dei lenzuoli bianchi: 32 nel 2012, 22 nel 2013 ed infine 19 nel 2014. "Sarebbero state ancora meno senza l'ultimo trimestre, macchiato da numerosi incidenti", ha evidenziato Pascarella, parlando di "modello Forlì-Cesena" per evidenziare la sinergia che è stata creata anche con le forze di polizia statali e locali. "La maggiore riduzione - è stato sottolineato - si è avuta su strade dove la presenza della Polizia Stradale è esclusiva, ossia il tratto di A14 e E45 del nostro territorio".

E45 - Nel periodo che va dal 2011 al 2013 gli incidenti con feriti sono passati da 46 a 28, mentre tra il 2011 e il 2014 i morti sono stati tre (nessuno nel 2012). "Un dato - ha tenuto a precisare Pascarella - che non può che esser attribuito che all'incessante pattugliamento del personale di Bagno di Romagna, a cui val mia gratitudine, considerate le condizioni in cui in questi anni hanno svolto i loro compiti, facendo i conti talvolta con condizioni meteorologiche avverse, ma anche a quelle strutturali in cui versa l'arteria. La presenza di cantiere è un deterrente per gli automobilisti per esser più prudenti".

A14 - Lungo il tratto di competenza della sezione di Forlì-Cesena, gli incidenti con feriti nel 2012 sono stati 60, 55 nel 2013 e 47 nel 2014. Vittime in calo: 7 nel 2012, 3 nel 2013 ed una nell'anno appena concluso. "L'effetto Tutor continua ad esser un formidabile elemento per contrastare le violazioni ai limiti di velocità. Non si registrano più i record di 210 o 230 chilometri orari", ha chiarito Pascarella.

TANGENZIALE  - A Forlì la viabilità ha subìto un evoluzione con il sistema Tangenziale: "All'inizio i forlivesi ci dovevano prendere la mano. Ci sono stati diversi contromano, miracolosamente senza incidenti - ha commentato Pascarella -. E' stata potenziata a cura dell'Anas la segnaletica stradale in corrispondenza degli ingressi. Inoltre il monitoraggio è stato potenziato con un aumento dei pattugliamenti".

MURAGLIONE - Per quanto concerne la Statale 67 del Muraglione, non si registrato decessi dal 2012. Frutto del protocollo d'intesa con i comuni della vallata, Carabinieri e Corpo Forestale dello Stato, con servizi di pattugliamento continui in estate. E' stato inserito anche il servizio di safety car, prevenendo così sorpassi pericolosi.

GUIDA IN STATO D'EBBREZZA - Un capitolo a parte merita la massiccia prevenzione e repressione del fenomeno della guida in stato d'ebbrezza e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Nel 2012 le violazioni contestate in provincia sono state 285, nel 2013 277 e lo scorso anno 281. Di queste la metà sono state elevate dagli agenti in servizio nel distaccamento di Rocca San Casciano.

DISTACCAMENTO ROCCA - Pascarella ha sottolineato "il grande sforzo operativo espresso da tutti i reparti", in particolar dal distaccamento di Rocca San Casciano. Nel 2010 contava appena cinque unità in organico, mentre oggi ve ne sono dieci "grazie all'ottimo lavoro svolto dal personale e al supporto della Prefettura e dell'Amministrazione comunale, resistendo alle scure dei tagli dei presidi". In futuro è in programma una nuova collocazione negli attuali locali della caserma dei Vigili del Fuoco ("si stanno cercando i fondi, a carico dell'amministrazione").

PATTUGLIE - Nell'ultimo triennio è aumentato il numero di pattuglie effettuate: 6244 nel 2012 (3225 nella viabilità ordinaria, 1958 in E45 e 3019 in autostrada), 6493 nel 2013 (3235, 1871 e 3258) e 6700 nel 2014 (3456, 2004 e 3244).

RAPPORTO CON I MEDIA - Pascarella ha sottolineato l'impatto della comunicazione nel prevenire le problematiche sulle strade. "Nel weekend c'è il terrore di esser fermati dalla Polizia. Si tratta di un effetto deterrente, che si è ottenuto pubblicando i risultati devi servizi svolti. L'elemento comunicazione ha avuto certamente un peso non indifferente". Il dirigente ha citato il caso dell'automobilista pirata, che si è costituto dopo aver letto l'articolo su ForliToday. "Offrirò questo format di comunicazione al mio successore", ha garantito il dirigente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento