menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Miltare del 66esimo morto folgorato a 21 anni: "Forlì si stringe intorno alla famiglia"

Il sindaco di Forlì Roberto Balzani ha inviato un messaggio al Comandante del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile "Trieste" di Forlì, Colonnello Francesco Randacio esprimendo sentimenti di cordoglio

Il sindaco di Forlì Roberto Balzani ha inviato un messaggio al Comandante del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” di Forlì, Colonnello Francesco Randacio esprimendo sentimenti di cordoglio per la scomparsa del Caporale Bernardo Ceraldi. “In questo momento la città di Forlì si stringe attorno alla famiglia Ceraldi e a tutte le donne e gli uomini del 66° Reggimento, testimoniando affetto e vicinanza”. Il commilitone con cui stava facendo un semplice servizio di vigilanza ad un carro ferroviario che stava trasportando mezzi blindati ha visto un bagliore ed ha sentito un tonfo.

E' morto così, domenica sera alle 22.40 allo scalo merci di Ravenna, Bernardo Ceraldi, caporale di 21 anni in servizio alla brigata Friuli, ucciso da una scarica elettrica di 3mila volts. I due militari stavano facendo un servizio di vigilanza, non armato, al convoglio. I carri armati erano giunti a Ravenna ieri pomeriggio da un reggimento nel nord in attesa di essere scaricati questa mattina e portati a destinazione. Secondo una prima ricostruzione, il giovane militare sarebbe salito su uno dei carri in transito e avrebbe toccato i cavi dell'alta tensione. L'altro militare ha immediatamente dato l'allarme, richiedendo i soccorsi del 118 che si sono, però, rivelati vani: i medici hanno provato a rianimarlo, prima di constatare il decesso per folgorazione. Il corpo, come ha spiegato la Brigata aeromobile Friuli, è stato ritrovato sopra uno dei mezzi corazzati a bordo di uno dei pianali ferroviari. La procura di Ravenna sta indagando per chiarire completamente la dinamica dell'incidente. L'autopsia potrebbe non essere necessaria.

Bernardo Ceraldi era originario di Formia (Latina), ma residente nel Casertano. Arruolatosi nell'esercito nel marzo 2012, era in servizio nel 66/o Reggimento fanteria di stanza a Forlì. ''La notizia della sua morte - ha scritto, in un telegramma inviato al Capo di stato maggiore dell'Esercito Claudio Graziano, il ministro della Difesa Mario Mauro - mi ha profondamente colpito. In questa tristissima circostanza voglia accogliere i sentimenti di sincero cordoglio delle forze armate e del personale civile della Difesa, nonché la mia sentita personale partecipazione al gravissimo lutto che ha colpito l'Esercito''. Un messaggio di cordoglio alla famiglia è stato inviato anche dal presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani.

Cordoglio di Alessandro Rondoni, capogruppo Pdl, per la morte di Bernardo Ceraldi, il militare del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” di stanza alla caserma De Gennaro a Forlì, avvenuta la sera di domenica 4 agosto, durante un servizio di vigilanza allo scalo merci di Ravenna. Rondoni, inoltre, aggiunge: «Vicinanza anche ai soldati del Reggimento e al comandante Randacio, impegnati in più fronti di servizio per garantire pace e sicurezza».

IL CORDOGLIO DI DI MAIO

"La morte del caporale Bernardo Ceraldi colpisce non solo il 66° Reggimento Trieste ma tutti la città di Forlì e non solo. In questi momenti non ci sono parole per lenire il dolore dei familiari e dei commilitoni; la più sentita vicinanza al Comandante del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” di Forlì, Colonnello Francesco Randacio, e a tutti i militari del 66° Reggimento, impegnati in numerosi servizi e attività al servizio del Paese, e ormai parte integrante e irrinunciabile della città di Forlì".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento