Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Mirko, unico centista del Vassallo: "Crescendo sono cambiato molto. Sono solare e affronto le sfide quotidiane"

"Sono una persona curiosa, perché mi piace entrare nei dettagli capire il come il perché e ogni singola cosa", racconta di se

Mirko Vagaggini è l'unico studente dell'Ipsia "Vassallo" di Galeata che ha conseguito il diploma col massimo dei voti. "Mi definisco una persona solare che sa affrontare le sfide che la vita mi ha riservato e questo per me è valso molto sia nella vita privata che in ambito scolastico - racconta di se -. Sono un ragazzo tranquillo, magari un po fuori dagli schemi, nel senso che esco poco la sera perché preferisco la tranquillità, adoro leggere libri, mi piacciono molti sport e il pomeriggio infatti dedico il mio tempo allo sport".

"In generale sono una persona curiosa, perché mi piace entrare nei dettagli capire il come il perché e ogni singola cosa, difatti cerco sempre di conoscere il più possibile qualcosa che mi possa interessare e che anche inizialmente magari non mi garba e poi inizia a piacermi - continua -. Questa mia attitudine mi ha portato a valorizzare tante cose che prima magari non conoscevo. Mi definisco una persona socievole, perché alla fine nonostante non sia un festaiolo mi piace molto conversare con le persone e ascoltare le loro storie. Sono una persona molto positiva e di questo vado abbastanza fiero perché l'essere ottimisti porta grandi successi".

Come descrive il suo percorso scolastico?
E' stato un po particolare. Ero partito scegliendo questa scuola senza nessun progetto futuro, scelta perché vicino casa e perché pensavo non si studiasse e poi la meccanica non mi piaceva nemmeno. Crescendo sono cambiato molto; ho imparato ad amare il settore meccanico e ho iniziato a mettermi a studiare perché mi iniziava a piacere. La mia più grande difficoltà a scuola è stata superare i primi due anni, quando ancora ero menefreghista riguardo tutto ciò che si faceva a scuola.

Il momento più bello?
Il momento più bello è stato in quinta, perché a dirla tutta con la didattica a distanza mi sono trovato benissimo. Ho iniziato a utilizzare l'Ipad per studiare ed è molto più efficiente. Anche se in didattica a distanza a volte era dura seguire da casa con tutte le distrazioni che ci sono.

Più teso o emozionato al momento dell'esame?
Per il mio esame ero emozionato. Non vedevo l'ora. Avrei parlato di un argomento a cui mi sono appassionato quest'anno, un argomento poco chiaro su internet e che non si trova sui libri di scuola. Ho trattato le trivelle per pali da fondazione e la consolidazione del terreno, l'esame è andato benissimo, ma cosa più gratificante era il fatto che i professori si erano interessati all'argomento che ho trattato.

Si è chiuso un capitolo importante della sua vita. Ha già in mente cosa farà nei prossimi mesi?
Per il mio futuro ho in mente di fare un lavoro che mi soddisfi pienamente, logicamente ancora non so quale non avendo esperienza. Ho delle idee, ma non sicurezze. Ho iniziato a lavorare da poco tempo e ho avuto la fortuna di poter scegliere avendo ricevuto diverse offerte di lavoro. Per ora mi sto trovando benissimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mirko, unico centista del Vassallo: "Crescendo sono cambiato molto. Sono solare e affronto le sfide quotidiane"

ForlìToday è in caricamento