Coronavirus, è ufficiale: si sta a casa fino al 3 maggio. "Poi speriamo di ripartire con cautela"

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato il nuovo decreto con il quale si prolungano le misure restrittive

Stringere i denti e far fronte a questa clausura forzata per arginare la diffusione del coronavirus in attesa di creare un nuovo modello di vita sociale ed economico. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato il nuovo decreto con il quale si prolungano le misure restrittive che limitano gli spostamenti e le attività produttive fino al 3 maggio. "Una decisione difficile, ma necessaria, assunta dopo diversi incontri - ha esordito Conte -. Il Comitato Tecnico Scientifico ci ha dato conferma che i segnali sono incoraggianti e che le misure stanno funzionando. L'Italia si sta dimostrando un esempio nelle misure di reazione a tutela dei cittadini. Ora non è il momento di perdere i risultati conseguiti per non ripartire da capo, con un aumento dei decessi e vittima. Bisogna mantenere alta la soglia dell'attenzione".

La proroga vale anche per le attività produttive. "La nostra determinazione è quella di allenatare le misure per far ripartire quanto prima il motore del nostro Paese a pieno regime - ha evidenziato -. Ma ora dobbiamo attendere ancora". Dal 14 aprile riaprono cartolerie, librerie e negozi di vestiti per bambini e neonati, ovviamente solo nel caso in cui potranno garantire tutte le regole di sicurezza. Ripartono anche la silvicoltura e attività forestali.

"L'auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e gradualità, ma dipenderà dai nostri sforzi - ha continuato il premier -. Il lavoro per la "fase 2" è già partito, perchè non possiamo aspettare che il virus sparisca dal nostro territorio, attraverso un programma organico ed articolato. Sarà istituito un gruppo di esperti ed un protocollo di sicurezza nei posti di lavoro. Prometto che se anche prima del 3 maggio si verificassero le condizioni, cercheremo di provvedere di conseguenza" ad aprire alcune attività produttive".

Regioni

Dopo la riunione della Cabina di Regia Governo-Regioni-Enti locali per l’emergenza Covid-19 arrivano le prime proposte delle Regioni. "E’ quanto mai opportuno prevedere una proroga sino al prossimo 3 maggio delle misure di contenimento dell'emergenza covid-19 - ha dichiarato il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini - ma dobbiamo sfruttare questo periodo per verificare le modalità che ci potranno portare alla riapertura graduale delle attività e dei servizi. Per questo abbiamo chiesto al Governo l’immediata attivazione di un gruppo di lavoro sulla ‘fase 2’. E abbiamo già sintetizzato le nostre prime proposte in 9 punti prioritari”.

Queste in sintesi le proposte e le richieste delle Regioni: "occorre che il prossimo decreto comprenda le misure restrittive sub-regionali adottate dalle regioni (zone rosse) e le azioni restrittive regionali sulle attività produttive. Le misure restrittive adottate dalle regioni siano nuovamente adottate con ordinanze regionali (la decorrenza del dpcm dal 14 consente alle Regioni di lavorarci)"

"Serve un vademecum di regole chiare, applicabili a tutta la popolazione e in tutto il territorio nazionale, che disciplinino il distanziamento sociale e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale distinguendo a seconda della diversa tipologia di uso (fabbrica, lavoro, supermercato) - prosegue Bonaccini -. E’ necessario un intervento per le attività produttive, con specifico riferimento alle singole filiere. Bisogna armonizzare l’attività di deroga delle Prefetture attraverso una normativa che permetta ai Presidenti di Regione di poter concordare sulla pianificazione della riapertura di alcune filiere produttive particolarmente rilevanti per il proprio territorio".

"Occorre prevedere la possibilità di smaltimento dei prodotti giacenti in magazzino per quelle attività produttive che operino esclusivamente salvaguardando le misure di prevenzione del contagio - chiosa il governatore dell'Emilia Romagna -. In vista di una riapertura graduale delle attività produttive e degli esercizi commerciali è fondamentale poter disporre di un numero adeguato di dispositivi di protezione individuale appropriati in riferimento all’attività svolta. Allo stesso modo è necessario assicurare la disponibilità dei DPI anche per la popolazione. Un obiettivo che va perseguito anche superando le disposizioni attualmente vigenti che prevedono la confisca dei dispositivi acquistati sul mercato internazionale per consentire alle imprese di dotare i propri lavoratori degli opportuni strumenti di protezione. Va chiarita la modalità per la produzione approvvigionamento e immissione in commercio dei dispositivi, assicurando con tempestività le necessarie autorizzazioni a quelle imprese che intendano produrli".

Per Bonaccini vi è la "necessità di avviare una massiccia campagna di screening sierologici, al fine di garantire maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro, individuando i test più appropriati ed efficaci sulla base delle evidenze scientifiche e le categorie a cui sottoporre lo screening. A tale riguardo si ritiene necessario definire a livello nazionale la tipologia di App più appropriata per tracciare gli spostamenti della popolazione al fine di limitare i contagi". Occorre inoltre "valutare possibili sperimentazioni pilota di riapertura di attività su alcune zone a minor rischio in modo da costituire benchmark per gli altri territori". Serve quindi "consentire alle imprese di utilizzare il tempo che intercorre fino alla riapertura per procedere all’adeguamento delle strutture alle condizioni di sicurezza".

Ed infine "avviare il confronto – nel rispetto delle normative di prevenzione - sulla riapertura di alcune attività fondamentali a partire dalla manutenzione del territorio ai fini della prevenzione degli incendi boschivi; delle reti idriche; dei cantieri per la ricostruzione post sisma; dei cantieri stradali e ferroviari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Andamento nazionale

Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, in merito all'andamento dei contagi a livello nazionale, ha evidenziato come "il quadro ci dà indicazioni di efficacia delle misure. I segnali positivi non devono farci abbassare però la guardia. Le azioni intraprese sono importanti ma non dobbiamo illuderci che la situazione si risolva. Le misure sono essenziali per mantenere la curva, quando sarà scesa,sotto la soglia di 1 per i contagi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento