Una mostra d'arte in nome di Alina, la madre: "Sento mia figlia che mi dice di non piangere"

"L'unico strumento che ho per gridare il dolore e la rabbia per mia figlia, investita e uccisa un anno fa, è la parola e con quella voglio farmi sentire". E' straziata Sanda Sudor

"L'unico strumento che ho per gridare il dolore e la rabbia per mia figlia, investita e uccisa un anno fa, è la parola e con quella voglio farmi sentire". E' straziata Sanda Sudor, la mamma di Alina Marchetta, la 26enne morta il 7 aprile dell'anno scorso, in via Salinatore a Forlì. La ragazza, una bellissima giovane arrivata a Forlì per gestire un negozio nel centro commerciale Punta di Ferro, venne colpita nella mattinata, mentre camminava tranquilla su un percorso pedonale, da un palo abbattuto da un'auto. A guidare quell'auto impazzita c'era una sua coetanea. Giovedì si è tenuta la prima udienza per omicidio stradale. All'udienza erano presenti tutti i familiari di Alina: il padre, la madre, le due sorelle e il fidanzato. La madre, Sanda Sudor, è un'artista che vive in Olanda.

Dopo un anno dalla morte di sua figlia, penso che nulla sia cambiato dentro il suo cuore...come si sente?
"Dicono che il tempo placa il dolore, ma non è così. Ogni giorno che passa per me è più difficile accettare l'assenza...voglio credere ed illudermi che Alina debba tornare da un lungo viaggio. Voglio credere che Alina non viva più qui ma esista. Lo so perfettamente che solo i genitori orfani dei figli possono capire il senso di queste parole".

Che cosa si aspetta dalla giustizia?
"Aspetto che la giustizia sia il supporto giusto, morale e materiale, di ogni persona che ingiustamente subisce le atrocità da parte di altre persone. Mi aspetto che la giustizia faccia "giustizia" in confronto di chi soffre, di chi é oramai condannato come me all'ergastolo del dolore. Non può esistere il rito abbreviato o patteggiamento. E' da questo "sistema" che parte il malessere della società italiana contagiata dal virus dell'ingiustizia, dell'ignoranza, dell'inconsapevolezza".

Ha lanciato un concorso artistico in nome di Alina? Può parlarmene?
Dal momento che non sono riuscita come madre a impedire ad Alina di morire, voglio lottare per sopravvivere e lo faccio con l’unico strumento che conosco, che mi sorregge e mi sostiene: l’Arte. Voglio che sia l’Arte a tenere Alina viva, che sia l’arte a far comprendere il passaggio tra la vita e la morte. "Artisti per Alina" è il progetto di vita, progetto da cuore al cuore, e dovrebbe essere di tutti quelli che non accettano l’ingiustizia del destino, di quelli che non conoscono piu’ i limiti del dolore. Sono stati selezionati 40 artisti con 65 opere in gara ( tutti campi dell'arte visiva - pittura, scultura, fotografia, design, grafica/illustrazione, video) e assegnerò tre premi ( Primo premio "Alina" in valore di 1000 euro, secondo e terzo premio rispettivamente in valore di 600 e 400 euro). Le opere possono essere visionate sul sito www.sandasudorart.com
La mostra "Artisti per Alina" sarà inaugurata il 7 Aprile nell' Oratorio San Sebastiano di Forlì per essere poi trasferita a Spoleto, dov'è cresciuta Alina, dal 16 maggio al 29 maggio".
     
Ha altri progetti per ricordare sua figlia?
"Sto mettendo le basi della Fondazione Alina Foundation con la sede in Olanda, dove vivo, e con il campo operativo in Italia e Olanda. Una fondazione che difenderà gli artisti, supporterà gli artisti. Sono gli artisti veri con l'anima pura, con il senso del coraggio che hanno creduto in questo progetto di vita dedicando ad Alina parte del loro tempo, a far vivere Alina. E io devo tutto a loro. Sono loro la parte migliore della nazione italiana".    

Che tipo di figlia era? Che futuro si immaginava per lei?
"Come potrei parlare di Alina senza l'impotenza, la rabbia e il dolore? Un anno fa ho iniziato insieme ad Alina  il viaggio nell'amore, nel dolore, nella conoscenza senza il quale non potremmo mai avvicinarci al mistero. Alina è il senso di ciò che chiamavo vita. Era speciale. Dal giorno in cui lei si è resa conto che tutti gli adulti sono imperfetti, è diventata un'adolescente. Dal giorno in cui ha cominciato perdonare è diventata un'adulta. Pochi giorni prima della tragedia con un messaggio vocale ha perdonato sè stessa diventando, forse, troppo saggia per questo mondo. Se mi chiedete come resisto vi dico: aspettando ogni giorno il suo ritorno tra le mie braccia e  imparando  che il  desiderio bisogna tenerlo vivo nel cuore. Adesso in questa mia seconda vita non mi fa più male la schiena, fa male il carico, non mi fa male la testa, mi fanno male i pensieri, non mi fa male il cuore, mi fa male il vuoto. Mi sembra di sentire Alina che mi dice: "Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo... va tutto bene mammy, ritroverai il mio cuore. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento