L'ultimo saluto al prof Carlo Flamigni, la testimonianza della moglie: "Ha lavorato fino all'ultimo minuto"

Il presidente del Consiglio comunale, Alessandra Ascari Raccagni, ha portato il cordoglio dell'amministrazione comunale a nome di tutta la città

Commosso addio martedì pomeriggio Carlo Flamigni, medico e docente di Ginecologia e Ostetricia dell’Università di Bologna, fino al 2008, e padre della fecondazione assistita in Italia, scomparso domenica a Forlì all'età di 87 anni. Un ultimo saluto laico ad un "medico, scienziato e saggista umanista di valore mondiale", così nelle parole di commiato l'amico giornalista Pietro Caruso. "Non era un uomo di palazzo e non era un uomo destinato ad amare il potere - ha rimarcato Caruso -. Ed è questo che lo rende importante per gli amici forlivesi".

"Ha lavorato fino all'ultimo minuto, continuando a fare il medico da remoto e a parlare con i pazienti", è la testimonianza della moglie, la sociologa e scrittrice Marina Mengarelli. E' stata data inoltre una lettura dell'ultima fatica letteraria di Flamigni dal titolo "Il diritto di pensare", "un lavoro al quale era molto legato e che finalmente uscirà", incentrata sui diritti della donna. Il presidente del Consiglio comunale, Alessandra Ascari Raccagni, ha portato il cordoglio dell'amministrazione comunale a nome di tutta la città.

Video - L'ultimo saluto al professor Carlo Flamigni, le testimonianze e le ultime riflessioni

La carriera

Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, all'Alma Mater, si è poi specializzato in ostetricia e ginecologia, intraprendendo la carriera accademica in Unibo, prima come libero docente e poi come professore incaricato. Dal 1980 al 2004 è stato professore ordinario, sempre presso l'Università di Bologna, di endocrinologia ginecologica e poi di ginecologia e ostetricia, proseguendo poi l'attività di docenza fino al 2008 come docente fuori ruolo. Per diciotto anni è stato componente del comitato nazionale per la Bioetica e, grande sostenitore dei diritti delle donne e della laicità delle istituzioni e della politica, è entrato a far parte del Consiglio comunale, dal 1990 al 2004, divenendo primo presidente del Consiglio comunale di Bologna (dal 1995 al 1999), figura istituita a seguito dell’elezione diretta del sindaco. In questo ruolo, è stato un innovatore, promuovendo tra l’altro un forum sui diritti dell’infanzia.

Tra il 1975 e il 1994 è stato direttore del servizio di Fisiopatologia della riproduzione per divenire poi direttore della clinica ostetrica e ginecologica dell'Università di Bologna, incarico ricoperto fino al 2001. Si è interessato dei problemi relativi alla bioetica, ed è stato membro del relativo Comitato Nazionale dal 1990 al 2017, membro del Comitato di etica dell'Università Statale di Milano, Presidente della Società italiana di fertilità e sterilità, Presidente onorario della Associazione italiana per l'educazione demografica (Aied), socio onorario della Consulta di bioetica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Autore di numerose pubblicazioni scientifiche, divulgative, nonché di romanzi, è stato autore di un migliaio di memorie scientifiche nonché di molti libri, relativi soprattutto a problemi riguardanti la salute della donna e agli aspetti medici e bioetici legati alla riproduzione e alla fecondazione assistita. Come scrittore, è autore di racconti, di storie poliziesche e di libri per l'infanzia. Nel 2011 ha vinto il premio letterario Serantini per il suo Un tranquillo Paese di Romagna. Il suo sito personale raccoglie i suoi scritti prevalentemente dedicati a temi etici e biomedici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per un numero sfiora il colpo da 500mila euro: giovane gioisce con una vincita al 10eLotto

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Coronavirus, possibile stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Covid-19, test sierologici rapidi gratis per studenti e famiglie: l'elenco delle farmacie

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento