Morte del prof Carlo Flamigni, il cordoglio: "Era fortemente legato alla nostra città"

Flamigni, viene rimarcato, "era un luminare e ha ricoperto importantissimi incarichi in ambito istituzionale e universitario"

L'amministrazione comunale di Forlì esprime "profondo dolore" per la notizia dell'improvvisa scomparsa del professor Carlo Flamigni, medico e scienziato di fama internazionale, uomo delle istituzioni, politico e autore di successo di romanzi “gialli”. "Era nato a Forlì e da sempre era rimasto fortemente legato alla nostra città, sia per l'affetto, sia come luogo dove vivere - viene ricordato dal sindaco Gian Luca Zattini -. Nel suo curriculum spiccano ruoli di livello straordinario da quello di professore ordinario di Ginecologia e Ostetricia all’Università di Bologna fino ad essere componente del Comitato Nazionale di Bioetica".

Flamigni, viene rimarcato, "era un luminare e ha ricoperto importantissimi incarichi in ambito istituzionale e universitario, non facendo mai mancare la sua attenzione alle vicende del territorio romagnolo in termini di contributi, di suggerimenti, di opinione. Sempre con cordialità e autorevolezza". "A nome dell’Amministrazione Comunale di Forlì e facendomi interprete della stima e dell'affetto dell’intera città, in questo momento di costernazione rivolgo ai familiari i sentimenti di profondo cordoglio per il grave lutto che li ha colpiti - conclude il primo cittadino -. Agli amici e a tutti coloro che hanno condiviso con lui percorsi professionali, ideali e di cittadinanza attiva giungano la nostra vicinanza e la partecipazione al dolore".

ADDIO A CARLO FLAMIGNI - L'ultimo saluto con una poesia

Il cordoglio di Fratto

Il presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Gabriele Antonio Fratto, lo ricorda come un "luminare insigne, uomo di grande valore per il suo impegno civile, politico e culturale". Prosegue: "E' mancata una grande persona, di caratura internazionale, che ha saputo  coerentemente declinare nel suo percorso professionale e personale i valori fondanti della nostra comunità.  Mirabile esempio non solo in campo medico e bioetico,  era profondamente laico. È, soprattutto, per il contributo che ha dato nella definizione di laicità che lo voglio ricordare e ringraziare. Essa, diceva, "non cessa mai di essere arricchita e precisata, tanto numerosi sono i suoi significati virtuosi. Laicità è il rapporto che la società moderna assume con la verità, accettando il principio che la dobbiamo continuamente cercare guardando avanti a noi, non ci sono verità alle nostre spalle; è la possibilità della ragione umana di procedere senza altra autorità che se stessa; è un modo di assicurare il legame sociale, articolando la libertà di coscienza alla libertà di pensiero; è la possibilità di convivere estesa a tutti gli stranieri morali, la capacità concreta di costruire isole dove essi si possano raccogliere per cercare mediazioni utili ed eque, lasciando sulla terraferma i propri dogmi, è anche, se ci pensate bene una sfida". Ecco, io ho accettato questa sfida, dovremmo accettarla tutti nel nostro piccolo per costruire una società a misura d'uomo, più giusta. Per questo credo che non solo per il suo straordinario contributo in campo medico il prof Flamigni rimarrà nella storia della nostra comunità".

Il cordoglio di Bonaccini

"Ha saputo riunire in sé le caratteristiche che dovrebbe avere ogni medico: la profonda competenza scientifica e clinica, la sensibilità e lo spessore sul piano umano - sono le parole del governatore della Regione, Stefano Bonaccini -. Qualità queste ultime che lo hanno portato sempre dalla parte delle donne, per difenderne i diritti di libera scelta". Nell’esprimere il proprio cordoglio alla famiglia, anche a nome di tutta la Giunta regionale, Bonaccini sottolinea lo spirito sinceramente laico e l’impegno civile con cui il padre della fecondazione assistita ha sempre portato avanti le proprie battaglie. “Un grande medico, un maestro per tanti e una figura di riferimento per la comunità scientifica regionale e nazionale. Senza alcun dubbio una perdita per l'Emilia-Romagna e per il Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento