Addio a don Mino: "Abbiamo un santo in più in Paradiso"

Giovani Paolo Ramonda, presidente della Papa Giovanni XXIII, ha conosciuto la Comunità di Don Benzi grazie a Don Mino

C'è tanto dolore per la morte di Don Girolamo Flamigni, detto don Mino, il popolare sacerdote scomparso nella nottata tra martedì e mercoledì all'età di 85 anni. Giovani Paolo Ramonda, presidente della Papa Giovanni XXIII, ha conosciuto la Comunità di Don Benzi grazie a Don Mino. "Il suo sorriso umile e sincero ci ha accompagnato sempre in questi 50 anni di vita della Comunità Papa Giovanni XXIII - ricorda -. Da parte mia va a Don Girolamo un grazie particolare, perché devo a lui l'incontro con la Comunità. Sacerdote, confessore di don Oreste, era un innamorato di Dio e amico dei poveri: Don Mino ha insegnato a noi tutti il valore della preghiera e dell’importanza della Parola di Dio. Abbiamo un santo in più in Paradiso; don Mino intercede per noi, per la Chiesa e per il bene dell’umanità". Lo ricorda sui social anche il comico Pier Giuseppe Bertaccini: "Un grande prete, un santo, è tornato al Padre ed è adesso nella Sua luce. Don Mino per tutti. Grazie per gli anni e i giorni che hai donato alla Parrocchia di S. Paolo, alla Chiesa di Forlì ed a ciascuno di noi. Don Amedeo ti accolga per presentarti al Padre: continuate insieme adesso a proteggerci ed a pregare per tutti noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Continua il tour romagnolo della Dea Bendata: dopo i gratta e vinci ecco il colpo con la Lotteria Italia

  • Assume cocaina, perde la testa e cerca delle scarpe tra le auto: non lo ferma nemmeno lo spray al peperoncino

  • Bel regalo di Natale in anticipo: gratta e vince una bella somma col 46 di Valentino Rossi

  • Postano su Facebook la foto del gatto rubato dal negozio: madre e figlia nei guai

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

Torna su
ForlìToday è in caricamento