rotate-mobile
Cronaca

Imprenditore morto dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso, assolta la dottoressa

E' stata assolta una dottoressa del pronto soccorso dell'ospedale di Forlì  che si trovava a giudizio per omicidio colposo a causa della morte di un imprenditore edile

E' stata assolta una dottoressa del pronto soccorso dell'ospedale di Forlì  che si trovava a giudizio per omicidio colposo a causa della morte dell'imprenditore edile Giancarlo Colella nel febbraio del 2016. L'uomo, 52 anni originario della provincia di Lecce, fino a qualche giorno prima della morte era in piena attività, poi lo colse un malessere improvviso con la febbre. Per i famigliari l'uomo venne rimandato a casa senza una cura adeguata, Lo stesso Colella ritornò presto al Pronto Soccorso, ma in coma e da qui velocemente scivolò verso la morte.

Per quell'episodio la Procura della Repubblica (pm Filippo Santangelo) aveva ottenuto il rinvio a giudizio per la dottoressa, 43 anni, che ebbe in carico il paziente al Pronto Soccorso. Secondo l'accusa e la famiglia (tutelata dagli avvocati Andrea Romagnoli, Gianluca Betti e Massimo Pifani), Colella si sarebbe potuto salvare dall'infezione polmonare da pneumococco che lo aveva colpito, con degli antibiotici e un ricovero per osservare il decorso della malattia. Per questo anche il pm in aula Massimo Maggiori aveva chiesto un anno e 4 mesi di reclusione. Ma di diverso avviso è stato il giudice De Leva del Tribunale di Forlì, che ha assolto la dottoressa (difesa dall'avvocato Max Starni di Forlì). Il giudizio di primo grado potrà essere appellato dall'accusa una volta depositata la sentenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore morto dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso, assolta la dottoressa

ForlìToday è in caricamento