Cronaca

Storico dirigente della Coldiretti muore a 61 anni per un malore improvviso

Il dirigente ha iniziato la sua sua giornata lavorativa come sempre, quando è stato colto da un malore improvviso

Un infarto improvviso si è portato via uno storico dirigente della Coldiretti forlivese. Martedì nella tarda mattinata si è spento Angelo Mazza, 61 anni, segretario di zona dell'associazione che rappresenta il mondo dell'agricoltura. Mazza era anche vice-presidente del Consorzio di bonifica della Romagna dallo scorso febbraio, ma soprattutto era uno dei volti più noti tra gli agricoltori e nel mondo della loro rappresentanza. Martedì mattina, il dirigente ha iniziato la sua sua giornata lavorativa come sempre, quando ha iniziato ad avvertire dei dolori e per questo è andato casa, dove infine è stato colto da un malore improvviso che lo ha ucciso. Forlivese, diplomato all'istituto Agrario di Cesena, viveva a Villagrappa. E' entrato in Coldiretti nel 1980. Dopo alcuni anni nella sede di Forlì, gli fu affidata la responsabilità dell’Ufficio di Meldola e di tutta la vallata del Bidente. Segretario di Zona del comprensorio cesenate dal 2008 al 2012, è divenuto poi Segretario di Zona del comprensorio forlivese presso la sede centrale di Via Enrico Forlanini, ricoprendo vari incarichi. 

Il presidente di Coldiretti Forlì-Cesena, Massimiliano Bernabini, a nome dell'intera Federazione provinciale, esprime profondo cordoglio per l'improvvisa scomparsa dello storico funzionario Angelo Mazza, Segretario di Zona del Comprensorio forlivese: “A nome di tutta Coldiretti Forlì-Cesena, dal personale ai Dirigenti, esprimiamo la più commossa e affettuosa partecipazione al dolore della moglie Laura, dei due figli e degli amati nipoti, per la scomparsa di Angelo, uomo di grande carisma e umanità, funzionario appassionato e competente, figura di riferimento per gli associati della nostra provincia, colonna di questa Federazione che lui stesso ha vissuto in tutte le sue articolazioni contribuendo passo dopo passo alla sua crescita".  La sua scomparsa – commentano il Presidente Bernabini e il Direttore Giulio Federici - rappresenta una grave perdita non solo per Coldiretti, ma anche per tutti coloro che operano nel settore”.

Lo ricorda il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini: "La notizia dell'improvvisa scomparsa di Angelo Mazza, dirigente della Coldiretti di Forlì e vicepresidente del Consorzio di bonifica della Romagna, desta in tutti noi sconcerto e costernazione. Il suo alto valore professionale e umano al servizio dell'agricoltura e dell'associazionismo lo avevano reso da tempo un punto di riferimento per il comprensorio forlivese. Nel corso degli anni, l'esperienza di amministratore pubblico mi ha concesso l'onore di diventare amico di Angelo Mazza e di apprezzarne direttamente le qualità, sul lavoro e nella vita: attenzione, disponibilità, desiderio di innovazione. A nome del Comune di Forlì e facendomi interprete dei sentimenti dell'intero territorio, esprimo profondo cordoglio e partecipazione al lutto. Giunga ai Familiari il conforto della nostra vicinanza mentre con un abbraccio fraterno ci uniamo, nel dolore, ai colleghi, al mondo dell'agricoltura e agli amici".

Commiato anche dal sindaco di Meldola Roberto Cavallucci: "Nel primo pomeriggio ho appreso la triste notizia della prematura scomparsa di Angelo Mazza. Angelo, stimatissimo dirigente di Coldiretti di cui era responsabile dell'ufficio di zona, era a Meldola sin dagli inizi della sua carriera lavorativa. Ha collaborato in diverse occasioni con il nostro Comune, le nostre realtà ed è stato un importante punto di riferimento per i tantissimi agricoltori grazie alla sua professionalità, all'attenzione verso gli altri ed ai suoi modi gentili. Lo vorrei ricordare per il gesto di solidarietà di pochi mesi fa, quando si è prodigato per fornire aiuti a tante famiglie in difficoltà in questo momento. A tutta la sua famiglia, ai suoi cari, ai suoi collaboratori ed a tutti coloro che gli volevano bene il più sincero sentimento di cordoglio da parte dell'intera Amministrazione Comunale e di tutta la Città di Meldola".

"Una scomparsa prematura che ci lascia senza parole - afferma il sindaco di Civitella, Claudio Milandri -. Di Angelo possiamo dire che non era solo un un apprezzatissimo dirigente  Coldiretti ma anche un amico.  Angelo non solo ha collaborato in tantissime occasioni con il nostro comune ma è anche stato il punto di riferimento per i tantissimi agricoltori della nostra zona.  Non solo riusciva a fornire supporto professionale ma aveva sempre una parola di aiuto e conforto per tutti i suoi agricoltori che oggi perdono un grandissimo uomo". Il primo cittadino come aneddoto ricorda il giorno dell'inaugurazione del mercato contadino di Civitella, "il punto di arrivo e di partenza di un grande progetto che ci ha visti coinvolti sin dall’inizio del nostro mandato e che ha fortemente voluto e che avrà per sempre la sua impronta".

Risponde al cordoglio la famiglia: "Ringraziamo sentitamente tutte le persone che ci sono state vicine in questo momento di profondo dolore per l'improvvisa scomparsa del nostro caro Angelo". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storico dirigente della Coldiretti muore a 61 anni per un malore improvviso

ForlìToday è in caricamento