E' morto "Smith", commerciante storico del centro. Nel suo studio il mondo antico degli orologi

A ricordarlo è lo scrittore e giornalista Maurizio Gioiello, che era andato nel suo negozio proprio l'ultimo giorno prima della chiusura causata da lockdown

In pochi, forse, lo conoscevano come Giancarlo Guardigli, perché tutti in realtà lo chiamavano da sempre Smith. E' morto domenica un noto e storico commerciante del centro storico, titolare della gioielleria e orologeria che porta il suo cognome in corso Mazzini 62, nel portico di fronte al comando provinciale dei carabinieri. Guardigli, ultraottantenne e malato di tumore, lascia due figlie, anche loro impegnate nell'attività di famiglia che lo vedeva da decenni impegnato fino a renderlo uno dei principali esperti di orologi in città. Una vera tradizione, tenuto conto che il fratello si occupa di un'analoga attività di orologieria e gioielleria a Milano Marittima. 

A ricordarlo è lo scrittore e giornalista Maurizio Gioiello, che era andato nel suo negozio proprio l'ultimo giorno prima della chiusura causata da lockdown. Ricorda Gioiello: "Era infatti un volto assai noto, essendo il titolare della gioielleria posta al numero 62 di corso Mazzini. Ma lui non avrebbe voluto che si definisse in tal modo, preferiva dire negozio, anche se il termine più appropriato sarebbe stato orologeria. Sì, perché Smith era un orologiaio certosino, uno degli ultimi rimasti in attività. Saliva le due brevi rampe che danno accesso a un minuscolo soppalco e si insediava nel suo ufficio. Lo chiamava proprio cosí. Quando sentiva una voce conosciuta entrare in negozio, scendeva per salutare l'amico e poi, terminate le quattro chiacchiere canoniche, salutava  dicendo "vado su in ufficio". L' ultima volta in cui l'avevo visto risale a un paio di mesi fa, il sabato di marzo precedente la chiusura delle attività economiche per l'emergenza Covid 19. I segni della malattia c'erano eccome, sul suo viso smagrito e assai pallido, ma lo spirito era rimasto quello di un tempo. Mi disse, in quella circostanza, che sarebbe voluto morire al suo tavolo di lavoro, nel minuscolo soppalco: il suo piccolo mondo antico, di cui era sovrano assoluto e che dava senso a tutta la sua esistenza. Se gli avessero chiesto quale fosse il luogo in cui si sentiva felice avrebbe di certo indicato quello.
Smith era un tipo davvero singolare".

Sempre il ricordo: "Lo si capiva subito, fin dagli orari di apertura della sua gioielleria: "da quando mi sveglio a quando vado a dormire". Non era un modo di dire, era la realtà. Prima delle 11 era impossibile trovarlo, così come non si parlava di riaprire, nel pomeriggio, se non dopo le 17. Poca voglia di lavorare? Macché. Lui lavorava di notte. Anche se usciva con gli amici, nelle innumerevoli serate passate in compagnia, era capace di tornare nel suo "ufficio" a notte fonda, per uscirne solo alle prime luci dell'alba, dopo aver terminato le riparazioni in scadenza per la giornata successiva. Per questo, poi, al mattino apriva alle 11. Un tipo particolare, si diceva. Ma meglio sarebbe definirlo un 'tuttologo'. Sapeva di tutto (secondo lui), tanto da dire la sua in ogni occasione. Socio storico del circolo La Scranna, amava la musica, il ballo e lo sport, specie di calcio (era tifoso del Torino) ma anche di ciclismo, e soprattutto il biliardo (specialità boccette). A quest'ultimo ha dedicato almeno 50 anni di attività agonistica, ma non è assurdo sostenere che abbia trascorso attorno al rettangolo verde tutto il tempo libero a sua disposizione".

"Non era un campione, questo proprio no, ma era un'autorità assoluta, con i suoi giudizi tecnici tranciati e le sue certezze apodittiche. Chi non lo conosceva poteva anche trovarlo antipatico e spocchioso, ma quando poi lo frequentavi facevi presto a capire che era davvero un brav'uomo, uno di quelli che lascia una traccia di sé indelebile.  Mi piace ricordarlo, in una notte di 41 anni fa, a "L'altro mondo" di Rimini, nota discoteca prestata in quella occasione al biliardo, per le finali del campionato provinciale. Bene, Smith stava giocando l'ultima palla dell'ultima partita, quella decisiva. Silenzio assoluto. Mentre si concentrava, a un certo punto alzò lo sguardo e chiese all'arbitro:"Che succede se faccio solo 8 punti? "Erano quelli necessari per vincere l'incontro, ma non sarebbero stati sufficienti per far passare il turno alla squadra, a causa della differenza punti complessiva. L'arbitro glielo disse, aggiungendo che ne sarebbero stati necessari 10. Smith assentì, prese la palla, palleggiò tre volte sulla lavagna, poi bocciò: 10 punti! E tripudio assoluto.  A rivederci, grande e indimenticabile Smith".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento