menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grande attenzione sulla moschea. Il Comune è d'accordo

La serata è stata organizzata da "Forlì, città aperta". Tantissimi gli intervenuti tra cui gli assessori comunali all'urbanistica, Paolo Rava e al welfare, Davide Drei ed i rappresentanti dei gruppi consiliari

Pierantonio Zavatti, presidente del circolo Acli 'Oscar Romero' è entusiasta dell'esito dell'incontro di giovedì sera sul tema di un Centro culturale islamico a Forlì. Il dibattito sul tema, anche a livello politico è acceso. “Non credo di usare troppa enfasi se affermo che forse è stata, nella vita della comunità forlivese, una serata in qualche modo “storica”, quella di giovedì”. La discussione sulla cosiddetta moschea spacca anche i partiti, tanti gli interventi dei consiglieri comunali.

La serata è stata organizzata da “Forlì, città aperta”. Tantissimi gli intervenuti tra cui gli assessori comunali all'urbanistica, Paolo Rava e al welfare, Davide Drei ed i rappresentanti dei gruppi consiliari, presenti tutti tranne l’Udc. La professoressa ebrea Maura de Bernart e lo scrittore e pastore avventista Rolando Rizzo hanno argomentato con vigore il loro appoggio alla petizione, condivisa anche dalle firme del responsabile della parrocchia ortodossa romena e da quattro sacerdoti cattolici, oltre che da non credenti e da cittadini di differente estrazione sociale e orientamento politico e culturale. “Fra tutti i presenti – ricorda Zavatti - mi sono sembrati particolarmente intensi, e spero che restino vivi nel ricordo dei consiglieri comunali, gli interventi di due donne musulmane, Latifa e Allale, e di una donna cristiana, Giovanna, attiva in servizi di volontariato”.

L'intenzione della giunta comunale è quella di “portare avanti la variante urbanistica che conceda al capannone di via Masetti il cambio di destinazione d'uso – conferma l'assessore Drei – ovviamente la decisione dovrà passare dal consiglio comunale, ma dagli interventi durante la serata pare che ci sia una certa convergenza sull'argomento. Se sarà approvata, per portare a termine l'iter burocratico serviranno mesi. L'amministrazione locale deve garantire la possibilità di esprimere la propria libertà di culto”.


La richiesta di decidere “presto e bene”, verrà ribadita mercoledì 28 marzo presentando le firme della petizione al sindaco e alla giunta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento