Vittorio Sgarbi a sorpresa visita la mostra "Sacro e profano. Le Arti tra '500 e '600"

. Il noto critico d’arte Vittorio Sgarbi si è presentato al Padiglione delle Feste delle Terme per visionare le opere esposte, incuriosito dalle notizie sull’evento

Visita a sorpresa alla mostra “Sacro e Profano – Le Arti tra ’500 e ’600” a Castrocaro Terme. Il noto critico d’arte Vittorio Sgarbi si è presentato al Padiglione delle Feste delle Terme per visionare le opere esposte, incuriosito dalle notizie sull’evento. Sgarbi ha girato le sale in solitudine, per meglio apprezzare le opere, ed è rimasto particolarmente affascinato dall’Annunciazionecon Santi Sebastiano, Arcangelo Michele e Giovanni Battista, la tela concessa dal Museo Diocesano di Faenza-Modigliana, e qui esposta per la prima volta dopo il restauro di una grossa bruciatura realizzato proprio grazie a questa mostra. Nel corso della mattinata il critico è stato raggiunto per un saluto dal sindaco di Castrocaro Terme e Terra del Sole, Marianna Tonellato, e dalla curatrice della mostra professoressa Paola Babini.

La mostra “Sacro e Profano - Le Arti tra ‘500 e ‘600”, voluta da Beatrice Sansavini, riprende il tema della grande mostra “L’Eterno e il Tempo, tra Michelangelo a Caravaggio” in corso ai Musei di San Domenico di Forlì. In esposizione ci sono una quarantina di opere tra grafiche, pitture e oreficerie sacre provenienti da collezioni private mai state accessibili al pubblico. Un percorso espositivo che testimonia quella continua tensione tra il Divino e il Terreno che imperniò la vita politica, sociale, culturale e artistica nell’Europa a cavallo dei due secoli. Esposte, fra le altre, opere di Guido Reni, Agostino Carracci, Rembrandt, Van Dyck, Francesco Albani, Hendrick Aerts, Giovan Battista Crespi. "Sacro e Profano – Le Arti tra ‘500 e ‘600" allestita al Padiglione delle Feste, in viale Marconi 32 a Castrocaro Terme (FC), è aperta fino al 17 giugno sabato e domenica dalle ore 10 alle 19 e gli altri giorni su appuntamento (chiamando il numero +39 328 7747418). Ingresso: intero 5 euro, ridotto 3 euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

Torna su
ForlìToday è in caricamento