Cronaca

Congresso Inail, calano gli infortuni sul lavoro e aumentano le malattie professionali

I dati presentati da Mario Longo, direttore regionale Inail Emilia-Romagna, nell'ambito del Convegno "Buone prassi e bilateralità per navigare in sicurezza"

I dati  presentati da Mario Longo, direttore regionale Inail Emilia-Romagna, nell’ambito del Convegno “Buone prassi e bilateralità per navigare in sicurezza”, tenutosi giovedì presso la sede Inail di Forlì, confermano un trend in diminuzione per gli infortuni denunciati (-7,5% rispetto al 2011) e un aumento delle denunce di malattia professionale (2,3%). Analogamente allo scorso anno, ma in misura più rilevante (circa 9 punti percentuali) diminuiscono gli infortuni da circolazione stradale in occasione di lavoro (-18,9%). Inoltre si registra una diminuzione del numero di denunce di infortunio riguardanti i lavoratori stranieri pari al -9,1%.  

Gli infortuni mortali  registrano un  incremento (da 94 a 97) rispetto al 2011, dovuto ai tragici eventi legati al sisma che ha colpito alcune province della regione. Infatti 15 sono state le vittime per le quali l’Istituto ha potuto riconoscere l’infortunio in occasione di lavoro, di cui 10 nella sola provincia di Modena.  Tale incremento dei casi mortali in occasione di lavoro, registratosi a seguito del sisma, ha comportato una diminuzione percentuale (dal 64% al 43%) degli eventi mortali accaduti sulla strada, sia in occasione di lavoro che in itinere.

Per quanto riguarda, invece, le malattie professionali a fronte del dato nazionale che registra un calo delle denunce del -1,6%, si rileva ancora quest’anno un incremento in regione del 2,3%, riconducibile alle azioni svolte su più fronti verso l’emersione del fenomeno che ha coinvolto maggiormente le province di Reggio Emilia, Ravenna, Parma e Piacenza. Il loro numero assoluto, pari a 7325, costituisce il 15,9% dei casi dell’Italia intera e, quanto alla tipologia, preponderanti sono state le malattie osteoarticolari e muscolo tendinee.

Il convegno pone come elementi centrali del tema “Sicurezza sul lavoro” le buone prassi e la bilateralità, intese come leve trainanti della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. Il confronto costante, infatti, tra Istituzioni e enti bilaterali fa emergere come accanto all’astrattezza del dato statistico vi sia una concreta rete pubblico/privato che condivide progettualità, risorse professionali ed economiche,  per contribuire  a migliorare le condizioni di sicurezza all’interno delle aziende.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Congresso Inail, calano gli infortuni sul lavoro e aumentano le malattie professionali

ForlìToday è in caricamento