rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Atti vandalici / Predappio / Matteotti, 53

Vandalizzato il negozio di souvenir "fascisti", due cappi attaccati alla vetrina. Poi le fiamme appiccate ad alcuni manifesti elettorali

Nella nottata tra martedì e mercoledì ignoti hanno preso di mira il negozio "Predappio Tricolore" di via Matteotti 53, scheggiando le vetrine del punto vendita

Clima elettorale avvelenato a pochi giorni dalla chiamata alle urne di domenica per eleggere il nuovo governo. Nella nottata tra martedì e mercoledì ignoti hanno preso di mira il negozio "Predappio Tricolore" di via Matteotti 53, specializzato nella vendita di souvenir "fascisti", scheggiando a colpi di pietra le vetrine dell'attività commerciale. Ma non solo. Hanno strappato i manifesti elettorali, affissi nelle vicinanze del negozio, appiccando un incendio agli stessi manifesti strappati da tabelloni sul vicino marciapiede. L'azione si sarebbe verificata intorno alle 4, con alcuni residenti, svegliati dai rumori, a dare l'allarme. I vandali si sono poi dileguati col favore delle tenebre, facendo perdere le loro tracce, non prima di attaccare nella vetrina due cappi. 

VIDEO - L'atto vandalico ai danni del negozio di souvenir "fascisti"

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Predappio, del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Meldola e del Nucleo Investigativo di Forlì, che hanno proceduto ai rilievi di legge. Gli inquirenti stanno vagliando anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona. I vandali non sono entrati nel negozio e non hanno rubato gli oggetti in vendita. Parla di "gesto deprecabile" il sindaco Roberto Canali nel condannare l'episodio, che ha destato sconforto tra gli abitanti. I manifesti elettorali sarebbero di diversi partiti, ma ulteriori approfondimenti sono in corso dal momento che sono andati distrutti. Gli uomini dell'Arma hanno repertato i sassi trovati sul posto ed i resti delle immagini elettorali andate a fuoco. 

Anche dal gruppo consiliare di centro-sinistra 'Generazione in Comune' è arrivata la "ferma condanna per l’atto vandalico e provocatorio". "Nulla può giustificare la devastazione di attività commerciali, scene che ricordano un passato che nessuno vuole rinverdire - spiegano dal gruppo che siede sui banchi dell'opposizione -. Per quanto una campagna elettorale possa essere dura e non priva di tensioni, è necessario che si svolga all’interno di un perimetro delimitato dai valori e i principi della nostra Costituzione. Per l’Associazione Generazioni in Comune è ben chiaro quale sia questo perimetro e ci batteremo affinché venga rispettato sempre e per tutti, non solo per una parte".

"Siamo accanto alle forze dell’ordine e al lavoro dell’autorità giudiziaria che ci auguriamo possa presto fare chiarezza e individuare i responsabili, ma una cosa è certa: occorre che tutti si dissocino da ogni violenza, materiale e verbale, e invitiamo ogni cittadino a fare altrettanto - viene aggiunto -. Una democrazia è viva e si rafforza quando c’è il confronto, si indebolisce quando si scade nello scontro. Gli atti violenti contro avversari politici vanno sempre condannati, di qualunque matrice sia la loro provenienza. Chi trasforma gli avversari in nemici da abbattere con ogni forma, sdogana questi comportamenti e si colloca lontano dai valori che stanno alla base della nostra convivenza civile". 

“Condanniamo con fermezza l’atto vandalico portato termine nella notte a Predappio - intervengono i dem -. In nessun contesto possono essere giustificabili azioni violente, in questo caso perpetrate anche ai danni di un esercente locale. Siamo al termine di una campagna elettorale che abbiamo condotto sempre nel rispetto degli avversari politici, qualunque sia la matrice di questo ignobile gesto noi ci dissociamo fortemente, esprimiamo solidarietà all’esercente danneggiato e condanniamo con decisione gli autori, ancora ignoti. Abbiamo la massima fiducia nelle forze dell’ordine e nella magistratura, che lavoreranno per trovare chi si è macchiato di questo gravissimo atto. I valori in cui crediamo, quelli della nostra Costituzione, i valori democratici, ci pongono agli antipodi di coloro che utilizzano qualsiasi tipo di violenza, che noi ripudiamo con forza”, concludono.     

carabinieri-negozio-souvenir-3carabinieri-negozio-souvenir-2

Nelle foto il negozio preso di mira ed i rilievi dei Carabinieri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandalizzato il negozio di souvenir "fascisti", due cappi attaccati alla vetrina. Poi le fiamme appiccate ad alcuni manifesti elettorali

ForlìToday è in caricamento