Nella parrocchia della Pianta 370 ragazzini tra pallone e scuola di vita

Alla Pianta una esperienza sociale e sportiva di successo . E’ una storia lunga e fortunata quella del sodalizio sorto attorno al Centro Sportivo della Pianta

Alla Pianta una esperienza sociale e sportiva di successo . E’ una storia lunga e fortunata quella del sodalizio sorto attorno al Centro Sportivo della Pianta, fortemente voluto dal parroco Don Guido Sansavini nel 1954. Se oggi attorno ai quei ciuffi d’erba, e alle moderne strutture che li circondano, sgambettano con passione e divertimento oltre 370 ragazzini, come spiega Piero Sabbatani, notissimo medico e coordinatore delle attività, lo si deve a quella lontana intuizione. Che trovò continuità operativa nell’impegno di Don Giovanni Severi, di Don Amedeo Pasini e dell’attuale parroco Don Felice Brognoli. 

Dal punto di vista della tecnica calcistica quella della Pianta è, come sanno gli esperti, una scuola di primordine: lì hanno mosso i primi passi calciatori oggi affermati come Nicola Ravaglia, Marco Rossi o Alex Sirri. L’attuale prima squadra, poi, che si muove nel calcio dilettantistico ed è guidata dal mister Fausto Tedaldi, da esempio di organizzazione e di correttezza in ogni campo della Romagna in cui si presenta. Le collaborazioni che la società vanta con squadre professionistiche di alto lignaggio come il Forlì, il Cesena, la Spal circostanziano ulteriormente lo spessore tecnico del vasto gruppo di lavoro operante alla Pianta. 

Tuttavia, a monte degli aspetti agonistici, ci sono quei valori che caratterizzano l’impegno personale del gran numero di volontari che investono tempo, energia e passione nel complessivo progetto educativo di cui la società si fa, giustamente, vanto. “Nella impossibilità di citarli tutti - ricorda Sabbatani - un elogio particolare va a Floriano Focacci, che tra i fondatori della società di cui è oggi il decano e a favore della quale svolge un’attività quotidiana.”

L'attività si regge anche sul sostegno assicurato  da parte degli Istituti locali, tra cui la Fondazione Cassa dei Risparmi e la Banca di Forlì. Il Presidente della Banca di Forlì Domenico Ravaglioli, il Direttore Fausto Poggioli, il Vice Direttore Pier Luigi Mugnai e il responsabile dell’Ufficio Soci Roberto Sansavini hanno preso parte nei giorni scorsi alla premiazione di uno dei tornei estivi che vedono convergere alla Pianta decine di squadre provenienti da tutta la Romagna.

 Nella circostanza il Presidente Ravaglioli, dopo essersi complimentato con dirigenti e volontari, ha ribadito che l’impegno della Banca nel settore dello sport giovanile si affianca a quello volto alla promozione dei talenti scolastici, artistici e giornalistici dei ragazzi forlivesi. Nella prospettiva di contribuire non solo a creare occasioni di incontro tra i giovani ma anche in quella di promuovere i talenti coloro che costituiranno domani la classe dirigente delle nostre comunità territoriali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cacciatore ferito da spari durante una battuta di caccia: soccorso in gravi condizioni

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Stormi di migliaia di uccelli volteggianti sulla città, frastuono sugli alberi: la spiegazione del fenomeno

  • Altro colpo al commercio in centro: due chiusure a pochi metri nel cuore dello shopping

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • L'allarme suona, nella borsa spunta un portafogli rubato: "Potrebbe essere stato nostro figlio"

Torna su
ForlìToday è in caricamento