PolStrada di Rocca, incontro in Regione: consegnate 2mila firme in difesa del presidio

I coordinatori del Comitato Bongiorno, Ferrini e Ragazzini hanno consegnato ai rappresentanti della Giunta Regionale le duemila firme raccolte

In Regione non hanno fatto cadere nel vuoto la lettera che i tre coordinatori del Comitato Civico Ss67, Vincenzo Bongiorno, Alessandro Ferrini e Riccardo Ragazzini avevano inviato ad inizio agosto per avere un incontro con i vertici dell’Emilia-Romagna, guidata dal presidente Stefano Bonaccini. E così i tre coordinatori hanno potuto incontrare, martedì a Bologna nel Palazzo della Regione, il sottosegretario alla presidenza Regionale, Davide Baruffi, e l’assessore alla Montagna e Programmazione Territoriale, Barbara Lori, alla presenza dei consiglieri regionali del territorio, Massimo Bulbi (Pd) e Massimiliano Pompignoli (Lega).

Nell’occasione ai due rappresentanti della Giunta Regionale sono state consegnate le duemila firma raccolte tra i cittadini, per chiedere al Governo centrale e al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, di non chiudere il distaccamento di Rocca San Casciano della Polizia Stradale. "Le firme – spiegano Bongiorno, Ferrini e Ragazzini – sono state raccolte dal Comitato Civico Ss67 in poche settimane prima del lockdown, anche con l’aiuto dell’Asaps, Siulp, Sap, Confedilizia Forlì-Cesena. Abbiamo anche portato tutte le delibere relative agli Ordini del Giorno approvati in molti Comuni del territorio, tra cui Forlì. Approvazioni tutte avvenute all’unanimità e alle quali abbiamo contribuito con un intenso confronto con sindaci, assessori e consiglieri comunali del territorio, avvenuto nei mesi scorsi. Ricordiamo che parliamo di Assemblee elettive, con maggioranze differenziate e trasversali a tutti gli schieramenti politici, rappresentative di oltre 175.000 abitanti".

"Ringraziamo tutti gli amici con i quali otto mesi fa abbiamo iniziato questa mobilitazione come Comitato Civico Ss67 e ringraziamo la Giunta Regionale per l’ascolto che ci ha concesso e la grande attenzione dimostrata alla nostra richiesta: mantenere aperto e operativo il distaccamento di Rocca San Casciano della Polstrada, a beneficio della sicurezza stradale di tutti, trovandosi lungo un’arteria stradale importante quale la Ss67, ed essendo inoltre la sede concessa in comodato d’uso gratuito da parte del Comune di Rocca San Casciano - proseguono -. I rappresentanti della Giunta ci hanno informato di contatti in corso con il Ministero dell'Interno e dell'interessamento diretto dello stesso presidente Stefano Bonaccini. Ci hanno inoltre fatto presente che la Regione ha esplicitamente chiesto al Governo di rivalutare attentamente la situazione del distaccamento di Rocca San Casciano".

I tre coordinatori, inoltre, hanno fatto presente ai vertici regionali: "La consideriamo una battaglia di buon senso, per il bene di tutti, ed è per questo che ci siamo sempre prodigati a portarla avanti tentando di unire tutte le forze, da quella dei quattro parlamentari locali, Marco Di Maio (IV), Jacopo Morrone (Lega), Carlo De Girolamo (5 Stelle), Simona Vietina (FI), sempre attenti e disponibili, ai sindaci e consigli comunali, rivolgendoci appunto alla Giunta Regionale, ma anche ai Consiglieri Regionali del territorio, Bulbi (Pd) e Pompignoli (Lega) che hanno presentato una risoluzione congiunta. E allora torniamo alla domanda che ponemmo all’inizio della mobilitazione: se la politica tutta, le associazioni, i sindacati, e i cittadini hanno avuto la capacità di manifestarsi così uniti, ma chi la vuole questa chiusura? Speriamo che si possa dire, anche nei fatti, nessuno”.

Commenta Pompignoli: "Credo che la Polstrada di Rocca sia prima di tutto una battaglia per la sicurezza del nostro territorio, e un segnale importante di civiltà. Credo che il mantenimento di questo presidio debba configurarsi come una conquista trasversale, di tutti, in linea con l’obbligo morale che ognuno di noi dovrebbe perseguire di rappresentare l’interesse collettivo e di tutelare il bene comune. Questo è stato lo spirito con cui oggi ho accolto in Regione i tre coordinatori del Comitato Civico Ss67, Bongiorno, Ferrini e Ragazzini. Ed è lo stesso che mi auguro animi la Giunta e la maggioranza regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento