menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Norme anti-coronavirus, ancora troppi furbetti a spasso. C'è chi reagisce in malomodo ai controlli: 2 denunce

"Le limitazioni restano fino al 3 maggio e fino a quella data saranno eseguiti tutti i controlli da parte delle forze dell'ordine", ricorda Mezzacapo

Con l'allentamento della misura restrittiva del Governo che ha dato la possibilità di aprire alcune tipologie di esercizi commerciali, il traffico, nelle ultime ore, è sicuramente aumentato anche a Forlì. "C'è stato un incremento sia del traffico veicolare che pedonale - conferma il vicesindaco con delega alla Sicurezza, Daniele Mezzacapo -. Forlì è tornata sicuramente più viva, ma occorre fare molta attenzione. Le limitazioni restano fino al 3 maggio e fino a quella data saranno eseguiti tutti i controlli da parte delle forze dell'ordine per arginare la pandemia, che ricordo, resteranno rigidi e saranno mirati a sanzionare i furbetti".

Evidenzia Mezzacapo: "Purtroppo si sta ancora morendo per questo virus e non possiamo ancora permetterci di andare in giro. Capisco che dopo tanto tempo di restrizioni, ogni giorno che passa, il sacrificio aumenta. La nostra Polizia Locale sta ancora dispiegando diverse pattuglie per fare rispettare i decreti governativi e le ordinanze. Basta dire che negli ultimi 3 giorni sono state controllate 384 persone e 20 di queste sono state sanzionate, due persone fra l'altro sono state denunciate proprio perché durante un controllo anti-Covid-19 hanno fatto resistenza a pubblico ufficiale e si sono rifiutate di fornire le proprie generalità. Sono poi stati controllati 912 esercizi commerciali o pubblici e sono proseguiti i controlli con i droni nelle aree verdi e lungo il fiume, in questo caso non sono state trovate persone in questi luoghi". Mezzacapo rinnova quindi l'appello "a rispettare le misure dettate che ormai conosciamo tutti". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento