Nuove restrizioni: salta il mercato ambulante, chiusi nel week-end anche i piccoli centri commerciali

Cambiano nuovamente le regole del commercio in città, alla luce dell'ultima ordinanza della Regione Emilia-Romagna, in vigore da sabato, che si aggiunge e va ulteriormente a inasprire le regole indicate dal Dpcm del 3 novembre scorso

Cambiano nuovamente le regole del commercio in città, alla luce dell'ultima ordinanza della Regione Emilia-Romagna, in vigore da sabato, che si aggiunge e va ulteriormente a inasprire le regole indicate dal Dpcm del 3 novembre scorso dal Governo, quello che gradua i provvedimenti in base alla situazione del contagio nei tre livelli giallo, arancione e rosso. La scelta più dolorosa sarà il taglio del mercato ambulante del lunedì e del venerdì, in quanto non a norma con quanto consentito dall'ordinanza di Bonaccini.

Per discutere della questione nella mattina di venerdì in Municipio si è svolto un incontro con il sindaco Gian Luca Zattini, l’assessore alle Attività produttive Paola Casara, l’assessore con delega ai Nercati Andrea Cintorino, le associazioni di categoria, il Comandante della Polizia Municipale e gli uffici del Comune di Forlì per esaminare le problematiche conseguenti all’adozione dell’ordinanza regionale 216 del 12/11/2020.

I mercati ambulanti e alimentare

Al termine dell’incontro si è convenuto che i mercati e le fiere sia su area pubblica che privata sono sospesi fino al prossimo 3 dicembre, fatta eccezione per quello alimentare coperto di Piazza Cavour (Mercato delle Erbe) rispetto al quale gli uffici stanno verificando le condizioni di sicurezza al fine di consentirne l’apertura già da sabato 14 novembre. Quest’ultimo, infatti, con alcuni piccoli accorgimenti di natura organizzativa che gli uffici comunali stanno definendo, rispetta nelle caratteristiche i criteri e le indicazioni stabilite nell’ordinanza regionale. 

Al Mercato delle Erbe, col fatto che c'è un cancello d'ingresso, si potrà in sostanza regolare l'afflusso con l'ausilio di vigilanti. L'uscita invece sarà obbligatoria sul retro, verso via Matteucci. Nei prossimi giorni, proseguiranno gli incontri e i tavoli di lavoro con le associazioni di categoria e gli uffici per creare le condizioni di una riapertura dei mercati che rispetti le indicazioni contenute nell’ultima ordinanza. In questo caso, l'ordinanza regionale impone di utilizzare aree con un unico ingresso per riuscire a regolare l'afflusso, condizioni non attuabile per il mercato di Forlì distribuito su tre piazze e una strada (via delle Torri). E' allo studio di portare il mercato o nel piazzale della Fiera, così da avere un'area recintata, oppure nell'area pedonale interna dei Portici. Ma entrambe le soluzioni non sono attuabili nel giro di pochi giorni.

I centri commerciali

Non solo l'iper 'Puntadiferro', ma anche le strutture commerciali di via Curiel, via del Cavone (Vecchiazzano), Ravaldino (via Tina Gori), via Gramellini (Pieveacquedotto) e i Portici sono chiuse il sabato e la domenica, fatta eccezione per i punti vendita di generi alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie, le edicole, le attività artigianali (per esempio lavanderie, parrucchieri, centri estetici, etc). In tutti questi complessi commerciali i supermercati sono aperti secondo il consueto orario. Non è possibile entrare nei negozi in più di un componente per nucleo famigliare a meno che non ci siano persone che abbiano necessità di accompagnamento (minori, disabili etc).

Gli altri negozi

E sempre il sabato e la domenica le grandi e medie strutture di vendita, ovunque localizzate, sono chiuse al pubblico, salvo che per quelle che vendono generi alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccherie ed edicole.  La domenica chiudono anche i piccoli negozi al dettaglio, fatta eccezione per le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie, le edicole e la vendita di generi alimentari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento