"Il San Domenico lavorerà 12 mesi l'anno". In arrivo nuovi ristoranti in zona

Nell'area di piazza Guido da Montefeltro stanno per aprire nuove attività destinate ai turisti. Il presidente della Fondazione: "La dimostrazione che con la cultura si crea ricchezza"

Roberto Pinza

"Piazza Guido da Montefeltro non sarà più il luogo abbandonato del centro che era. Qui si farà cultura 12 mesi l'anno e gli effetti già si vedono. In arrivo ci sono nuovi esercizi commerciali dedicati in particolar modo alla ristorazione, quello che serve in questa area meta di tanti visitatori". 

A parlare è Roberto Pinza, presidente della Fondazione Carisp che spiega il cambio di passo, già intrapreso in accordo con il Comune, nella gestione del complesso museale del San Domenico e San Giacomo: non più una sola mostra all'anno (troppo poco per incentivare gli imprenditori locali a investire di più sulle strutture ricettive per i turisti) ma più eventi e di diverso genere lungo tutto il corso dell'anno.

> MOSTRA DI SALGADO: LA PRESENTAZIONE

Solo nel 2016-2017 ci saranno la mostra fotografica su Salgado al San Giacomo e quella per il bicentenario dell'Ebe del Canova al San Domenico (entrambe da ottobre a gennaio). Da febbraio a giugno sarà allestita la grande mostra "Art Decò. Gli anni ruggenti in Italia“ in programma al San Domenico, in calendario anche un convegno di alto livello sull'archeologia e la musica ospitata nella chiesa di San Giacomo. Completano il quadro eventi che proprio sulla 'barcaccia' del San Domenico vedono il loro palcoscenico come la festa di Rai Radio 3 e le iniziative per la Settimana del Buon Vivere

"Questo insieme di eventi - continua Pinza - conferma l'intuizione di avere a Forlì un grande e unico spazio destinato alla cultura di livello. Uno spazio così non so quante città come la nostra se lo possono permettere". 

In arrivo c'è anche un protocollo d'intesa tra Comune e Fondazione per far lavorare ancora meglio le due strutture mentre la Fondazione si fa promotrice di un intervento, del valore di circa 400mila euro, per migliorare l'acustica del San Giacomo, luogo dedicato alla musica classica. Si tratterà di un allestimento mobile che sarà installato solo in acuni periodi dell'anno durante gli eventi di maggior rilievo. Il rinforzo acustico ha infatti un effetto molto impattante sull'aspetto della chiesa e per questo non sarà permanente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per un numero sfiora il colpo da 500mila euro: giovane gioisce con una vincita al 10eLotto

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Coronavirus, possibile stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • "Qui non si entra con la mascherina", due multe per l'agenzia. Il titolare a Canale 5: "Non le pago"

  • Servizio delle Iene scopre un carabiniere forlivese adescatore di una 13enne

  • Ha sfamato intere generazioni di forlivesi e non solo: addio al papà del Panoramico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento