Nuovi strumenti di insegnamento: a Ipercorpo corsi con artisti per docenti delle scuole

Il laboratorio è gratuito, con iscrizione obbligatoria entro il 19 settembre. Posti limitati. Al termine del corso i docenti riceveranno un attestato di partecipazione

In occasione di "Ipercorpo", il 17esimo Festival Internazionale delle Arti dal Vivo diretto e organizzato da Città di Ebla, sono in programma anche due percorsi formativi gratuiti rivolti ai docenti delle scuole primarie e secondarie in collaborazione con l’assessorato Servizi educativi, scuola e formazione del Comune di Forlì. I corsi si terranno il 26 settembre e il 3 ottobre, dalle 14.30 alle 18.30, a Forlì negli spazi di ExAtr. "L’attuale emergenza sanitaria - spiegano da Citta di Elba - ci ha portati a riflettere sulla possibilità di nuove modalità e strumenti di insegnamento, tematica più che mai al centro del dibattito pubblico nei pochi giorni che ci separano dall’inizio dell’anno scolastico. Ipercorpo desidera suggerire possibili sentieri, con l’obiettivo di creare un contesto di vivo scambio e condivisione con gli insegnanti, protagonisti di un momento così delicato che ci auguriamo possa innescare nuovi processi e dischiudere nuove opportunità. Per fare questo si avvale del rapporto pluriennale con artisti che hanno fatto della formazione il nucleo fondativo della propria attività".

Danzatrice, coreografa e pedagoga con base a Ravenna, Monica Francia conduce questo percorso formativo dal titolo "Capovolti". accettando la sfida di continuare a mettere al centro il corpo anche in periodo di distanziamento fisico, perché oggi più che mai, proprio nell’assenza, percepiamo l’immenso valore delle relazioni e di quello che i nostri corpi possono fare per il nostro benessere, individuale e collettivo. A Ipercorpo, sabato 26 settembre, si metterà a disposizione dei docenti della scuola primaria e secondaria di I e II grado per offrire nuovi strumenti didattico-esperienziali volti ad una gestione differente delle relazioni in seno al gruppo classe. 

"Lo sguardo racconta" è invece il titolo del percorso di formazione rivolto a docenti della scuola secondaria di I e II grado condotto da Marco Muzzolon, scenografo, e Silvia Coggiola, esperta in ambito educativo, formativo e sociale, con base a Milano, che si svolgerà sabato 3 ottobre. Al centro il tema dello sguardo e dell’identità, più che mai attuali dato il recente vissuto collettivo condizionato dalle norme anti-contagio Covid-19. Come raccontare la propria identità a partire da un luogo? È possibile far parlare direttamente quel luogo o un oggetto simbolico legato ad esso, per narrare la nostra identità? Indagare questa dimensione significa aprire una finestra sull’intimità degli spazi e dei pensieri, attraverso il lavoro di costruzione di un oggetto simbolo, “correlativo oggettivo” dei nostri pensieri.

Il laboratorio è gratuito, con iscrizione obbligatoria entro il 19 settembre. Posti limitati.  Al termine del corso i docenti riceveranno un attestato di partecipazione. 
L’iniziativa è in attesa dell’accreditamento dell’Ufficio Provinciale Scolastico della Regione Emilia-Romagna. Saranno rispettate le norme di sicurezza e di distanziamento anti-contagio Covid-19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento