menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si avvicina il nuovo dpcm: stretta sulla movida, nuove regole per i locali senza tavoli

Stretta anche alle partitelle tra amici a calcetto, basket o pallavolo, mentre vengono consentiti gli sport a livello dilettantistico, per le società che abbiano adottato protocolli per limitare i contagi

Sarà licenziato probabilmente il nuovo Dpcm che contiene le nuove misure anti-contagio e che subentrerà a quello in scadenza giovedì prossimo. Tra le novità lo stop agli assembramenti all'esterno dei locali. In particolare, tra le misure finalizzate a limitare la movida il governo ha proposto ai governatori e ai rappresentanti degli enti locali la chiusura dei locali senza servizio al tavolo e lo stop al consumo di cibo e bevande all'aperto dalle 21.

Proposta la chiusura a mezzanotte per pub, locali e ristoranti con servizio al tavolo. Tutti i locali che propongono cibi da asporto potranno restare aperti fino alle 24. Non si potrà stare in gruppo né all’aperto (parchi, strada o piazze) né al chiuso. I controlli saranno affidati alle forze dell’ordine. 

Stretta anche alle partitelle tra amici a calcetto, basket o pallavolo, mentre vengono consentiti gli sport a livello dilettantistico, per le società che abbiano adottato protocolli per limitare i contagi. Per gli eventi sportivi, è stata proposta un aumento della capienza dei palazzetti fino al 15%, anche se non si potrà andare oltre i mille spettatori.

Per quanto riguarda le cerimonie (matrimoni, comunioni, cresime e funerali) restano in vigore le regole dei protocolli già approvati, ma viene messo un limite massimo di 30 persone per gli eventuali ricevimenti successivi. Per quanto riguarda le feste private, viene evidenziata una "forte raccomandazione" a limitare anche quelle in casa, se partecipano più di sei persone. Tra le misure in discussione anche lo stop alle gite scolastiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento