Un nuovo polmone verde con 400 alberi: via libera all''oasi naturalistica

Mercoledì la giunta ha approvato la variante urbanistica finalizzata all'individuazione del vincolo preordinato all'esproprio delle opere di forestazione, che sarà sottoposta al Consiglio comunale nella prima seduta utile

Un nuovo polmone verde a pochi passi dalla città. Il vicesindaco di Forlì, Daniele Mezzacapo, annuncia la progettazione di un'area verde di quasi un ettaro e mezzo a ridosso dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni". "Come era stato annunciato nel programma di mandato dell'amministrazione prenderà il via un importante progetto del verde che andrà ad abbellire, riqualificare e dare ossigeno, nel vero senso della parola, a un'area di quasi un ettaro e mezzo a ridosso dell'ospedale - spiega Mezzacapo -. E' qui che saranno piantumati quasi 400 alberi in una zona non demaniale con piccoli espropri per poter creare un'oasi naturalistica a ridosso della città". 

Mercoledì la giunta ha approvato la variante urbanistica finalizzata all'individuazione del vincolo preordinato all'esproprio delle opere di forestazione, che sarà sottoposta al Consiglio comunale nella prima seduta utile. "Questi interventi di Forestazione - spiega il vicesindaco - sono stati individuati in un'area in prossimità dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni" (lato Ovest), al fine di implementare una delle due preziose arterie verdi del nostro Comune, il parco territoriale del Montone che connette il Parco urbano Franco Agosto al Parco Fluviale di Castrocaro, interessando aree caratterizzate dall'abbondante presenza di fauna locale e migratoria e di specie floristiche tipiche delle zone acquatiche. Inoltre sempre qui convergeranno altre opere di forestazione di verde tra cui un nuovo percorso ciclopedonale con relativa passerella, da realizzarsi con le risorse private provenienti dall'attuazione degli strumenti della pianificazione comune". 

"Sarà così rafforzato il modello di sviluppo di una città - spiega Mezzacapo -  in cui le aree a verde pubblico e le infrastrutture dedicate alla mobilità lenta sono implementate, riqualificate e messe a sistema. Una nuova strategia di gestione del territori che vede nella cura dell'ambiente i valori primari  al fine di tutelare il benessere dei suoi abitanti". Gli alberi, 150 querce (Farnia), 100 Pioppo bianco, 50 frassino, 15 aceri campestri, 15 ciliegi selvatici e 42 sambuchi neri, non sono stati scelti a caso, ma sono stati preferiti per le caratteristiche morfologiche del territorio. Queste piante andranno a rafforzare tutta la tenuta dei terreni per evitare disastri ambientali. L'impianto studiato dai tecnici non avrà una struttura geometrica a file ma sarà eseguito come nei boschi di pianura.

progetti-oasi-verde-vecchiazzano-2 progetti-oasi-verde-vecchiazzano-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

-progetti-oasi-verde-vecchiazzano-4

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento