Oltre 5mila segnalazioni. I 10 giorni della Municipale

Hanno lavorato a pieno regime da martedì sera, sospendendo tutti giorni di riposo sui 4 turni, guidati dal comandante, Elena Fiore, gli oltre 100 agenti

Hanno lavorato a pieno regime da martedì sera, sospendendo tutti giorni di riposo sui 4 turni, guidati dal comandante, Elena Fiore. Ecco cosa hanno fatto gli oltre 100 agenti della Polizia Municipale di Forlì (113 ad organico completo) negli ultimi 10 giorni di emergenza neve. Il comandante racconta a Romagnaoggi-Forlitoday cosa è successo in città. “Anche chi solitamente sta in ufficio è andato in strada, tranne chi ha un’invalidità che ha coperto la centrale operativa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



Si parla di circa 5-6mila chiamate alla centrale, rimasta aperta 24 ore su 24 da martedì, compresa la notte tra giovedì e venerdì, in contatto continuo con il Coc (Cetro operativo comunale), con due riunioni al giorno. “Scusi ho accostato un attimo perché siamo in auto per controllare la pulizia delle strade”, risponde così al telefono Fiore. “Abbiamo lavorato tutti, senza riposi, sui 4 turni da 6 ore, facendo anche molti straordinari, con cambi sul posto. Purtroppo abbiamo avuto anche 5 infortuni a causa della neve tra i nostri agenti”.

Il primo giorno di emergenza, ovvero mercoledì, le forze della Municipale sono state assorbite dal blocco dell’autostrada, con il relativo caos creatosi fuori dal casello, dall’emergenza del treno fermo a Villa Selva e dagli interventi sulle persone in difficoltà. “Purtroppo l’allerta della Protezione Civile prevedeva 40 cm di neve – precisa il comandante – invece abbiamo raggiunto il metro. Il nostro piano neve era pronto ad affrontare i 40 cm”.

Poi è partita la pulizia delle strade, “intendo rompendo il ghiaccio, dove abbiamo scortato i 4 cosiddetti ‘treni’ di mezzi per chilometri e chilometri di strade, 24 ore su 24. Si è partiti dalla viabilità principale, liberando le arterie più percorse, per poi concentrarsi sui percorsi dei mezzi pubblici, mentre i volontari spalavano le pensiline. Adesso ci concentriamo sui percorsi per raggiungere le scuole, molto difficoltosi, perché spesso comprendono strade laterali strette, dove i treni faticano a passare, e sulla pulizia dei parcheggi cercando di portarla a termine per lunedì, tempo permettendo”.

Durante questo lavoro gli agenti della Municipale sono stati chiamati per tutte le segnalazioni di pericolo, dai cornicioni pericolanti, alla caduta neve dai tetti, alla caduta di rami. “Ovviamente i lavori sono stati rallentanti dai mezzi usciti fuori strada, ogni mezz’ora si intraversava un camion”, conclude Fiore.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento