rotate-mobile
Cronaca

Omicidio Severi, i figli e la moglie dell'imputato: "Convinti della sua innocenza, ci batteremo perché sia fatta giustizia"

Nessun dubbio sull'innocenza del padre e del marito: a fare quadrato intorno a Daniele Severi è la sua famiglia, che ha vissuto di rimbalzo la vicenda giudiziaria di cui è protagonista il loro famigliare dal luglio 2022

Nessun dubbio sull'innocenza del padre e del marito: a fare quadrato intorno a Daniele Severi è la sua famiglia, che ha vissuto di rimbalzo la vicenda giudiziaria di cui è protagonista il loro famigliare dal luglio 2022, da quando cioè venne arrestato e formalmente incriminato per l'omicidio del fratello Franco. A dimostrarlo sono i figli Sara, Simone e Samuele, nonché la moglie Monia Marchi, tutti e quattro presenti nell'aula della Corte d'Assise per l'avvio del processo. La famiglia ha anche voluto rilasciare una dichiarazione ai media, letta con voce affannata dalla figlia Sara, da un foglietto tenuto in mano.

Omicidio Severi, parte il processo a carico del fratello Daniele

"A nome di tutta la famiglia di Daniele Severi, al quale restiamo sempre vicini, come avete potuto vedere oggi e come lo siamo da più di un anno, vogliamo portare il pensiero della sua innocenza, relativamente alla quale mai abbiamo avuto dubbio. Il sentimento di vicinanza è anche di tante altre persone che bene conoscono nostro padre e la nostra famiglia e che ci stanno vicini, ritenendolo un reato commesso da altri e non da lui. E' da un anno in carcere innocente, e noi ci batteremo perché venga fatta giustizia e perché nostro padre possa tornare a casa", ha detto la figlia dell'imputato, nell'atrio della Corte d'Assise, che dovrà giudicare Daniele Severi per i reati di omicidio volontario aggravato, occultamento di cadavere e stalking. 

VIDEO - La prima udienza in Corte d'Assise

Tutto quello che sappiamo finora sull'omicidio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Severi, i figli e la moglie dell'imputato: "Convinti della sua innocenza, ci batteremo perché sia fatta giustizia"

ForlìToday è in caricamento