Omicidio stradale, il Premier Renzi conferma ad Asaps: "Si farà"

Renzi, rispondendo alle domande della rivista ufficiale dell'ASAPS, ha precisato che per combattere la violenza stradale "è necessario lavorare su più fronti, su diversi livelli che non rimangano compartimenti stagni, ma interagiscano tra loro"

L'omicidio stradale? Si farà. Parola di Matteo Renzi, Presidente del Consiglio, che in un'intervista che sarà pubblicata sul prossimo numero della rivista Il Centauro – organo ufficiale dell'ASAPS – ribadisce la propria intenzione di andare avanti con la legge in virtù di “un vuoto nel nostro codice – ha dichiarato il Premier – che deve essere colmato. Per questo ho messo la prima firma sulla proposta di legge promossa dal comune di Firenze, ASAPS, Associazione Lorenzo Guarnieri e Associazione Gabriele Borgogni nel 2011. L’intento allora – spiega il Primo Ministro – era quello di invitare il Governo e Parlamento a riflettere e colmare questa lacuna.”

Renzi, rispondendo alle domande della rivista ufficiale dell’ASAPS, ha precisato che per combattere la violenza stradale “è necessario lavorare su più fronti, su diversi livelli che non rimangano compartimenti stagni, ma interagiscano tra loro. Gli inglesi – dice Renzi – usano il termine 3E per indicare le cose da fare: Enforcement, Education, Engineering. La violenza stradale non è frutto del destino. Nella stragrande maggioranza dei casi è determinata da un comportamento sbagliato alla guida. Chi si mette alla guida in condizioni fisiche alterate deve essere consapevole, e in questo caso occorre responsabilizzare, che rappresenta un pericolo per gli altri e per se stesso”.

Sempre in tema di “violenza stradale”, il primo ministro ha parlato di “dramma sociale”, snocciolando le cifre del prezzo imposto alla società dagli incidenti: “gli incidenti stradali – ha detto – sono la prima causa di morte e di invalidità permanente per i giovani, che rappresenta un costo enorme per lo Stato, superiore a 30 Miliardi di euro l’anno, pari al 2% del PIL. Confrontandoci con altri paesi, i migliori in questo campo come Inghilterra, Svezia, Olanda, vediamo che è possibile dimezzare la mortalità attuale. Un problema così grande di “salute pubblica” e di economia che può essere affrontato e ridotto come posso non considerarlo una priorità e venir ignorato dalla politica?”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, Matteo Renzi è entrato nell'accidentato tema del coordinamento delle forze di polizia, chiamate in causa per l'Enforcement. “Penso a sinergie tra i corpi di Polizia – ha spiegato il Primo Ministro a Il Centauro – e dobbiamo puntare all’efficienza e alla modernità ispirandoci, anche in questo caso, a modelli di successo di alcuni paesi. Ridare efficienza significa anche migliorare il servizio al cittadino, sapendo che le nostre forze di sicurezza fanno ogni giorno uno straordinario lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento