rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Alleanza Verdi e Sinistra: "Preziosa scultura in alluminio e legno di Calò nella scuola da demolire. E' stata salvata?"

Le due candidate spiegano che “Calò, che fra l’altro vinse ex equo il premio alla scultura alla biennale di Venezia nel ‘62 ed ha opere esposte anche ai Musei Vaticani"

All’interno della Scuola media "Piero Maroncelli" dovrebbe essere collocata una scultura in alluminio e legno di Osvaldo (Aldo) Calò, un famoso scultore di origine pugliese scomparso oltre 40 anni fa. L'opera è stata rimossa in vista della demolizione? E' la domanda che viene sollevata da Diana Scirri e Maria Grazia Creta, candidate di Alleanza Verdi e Sinistra .

Le due candidate spiegano che “Calò, che fra l’altro vinse ex equo il premio alla scultura alla biennale di Venezia nel ‘62 ed ha opere esposte anche ai Musei Vaticani, è noto anche per aver scoperto in Inghilterra, paese in cui soggiornò a lungo, Henry Moore. L'opera di Calò, astratta e concettuale, centrata sul segno dello squarcio come simbolo della guerra, venne realizzata in occasione di un concorso indetto dal Comune di Forlì nel 1972 per l’ideazione e l’esecuzione di un’opera d’arte destinata all’edificio scolastico Cà Ossi cui la Scuola Media "P. Maroncelli" era unificata. Il tema del concorso era quello della Resistenza”. 

L’opera è censita al Patrimonio culturale Emilia Romagna. Ironizzano le due esponenti di Avs: “Noi di Alleanza Verdi e Sinistra, poiché abbiamo preso atto della straordinaria competenza della amministrazione comunale a proposito di opere scultoree siamo particolarmente preoccupati per la sorte della scultura di Calò. Qualche anno fa infatti la Soprintendenza, in seguito ad una denuncia di Italia Nostra, ha bloccato in corso d’opera il tentativo di ripulire con l’idropulitrice i bassorilievi del Boifava posti alla base del monumento ai caduti”.

E sulla demolizione del piedistallo in cemento della statua dedicata agli 'Angeli del fango' a Porta Schiavonia, dicono Scirri e Creta,  questa è avvenuta su richiesta sempre dell'associazione Italia Nostra, che ha invocato l’intervento della Soprintendenza. “Questi esempi passati ci fanno temere il peggio. Poiché si tratta di un bene pubblico di grande valore sia artistico che economico (si vedano a questo proposito le quotazioni delle opere di Calò) vorremmo sapere che fine ha fatto, se si trova ancora dentro la scuola, se le prime demolizioni l’hanno danneggiata, se hanno pensato a dove collocarla o se, date le premesse, visto l’alto valore sul mercato dell’alluminio, qualche esperto d’arte del Comune non l’abbia rifilata a qualche rottamaio”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alleanza Verdi e Sinistra: "Preziosa scultura in alluminio e legno di Calò nella scuola da demolire. E' stata salvata?"

ForlìToday è in caricamento