menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operazione "strade sicure" a Milano: in azione anche il 66° di Forlì

Una compagnia del 66° Reggimento Aeromobile Trieste di stanza a Forlì è stata dispiegata sulla piazza di Milano in occasione dell'operazione "strade sicure"

Una compagnia del 66° Reggimento Aeromobile Trieste di stanza a Forlì è stata dispiegata sulla piazza di Milano in occasione dell’operazione “strade sicure”. L’attività, ha spiegato il comandante del 66°, il Colonnello Francesco Randacio, è stata richiesta dai comandi militari tre mesi or sono e da allora è iniziata l’ attività addestrativa specifica per la missione; il “complesso” fornito dal 66° è partito tra domenica e martedì ed è già attivo il servizio.

La forza è di 130 militari, tra uomini e donne, agli ordini del Capitano Alessandro Fiorentini, comandante della Prima Compagnia Aeromobile “Cobra”, e rimarrà in servizio a Milano fino a dicembre quando verrà avvicendata da altra forza sempre proveniente dalle file del “Trieste”. L’operazione è distinta in diversi “complessi” forniti da vari reparti dell’esercito italiano; quello comandato dal Cap. Fiorentini è denominato “complesso B” ed è prevalentemente dispiegato su obbiettivi fissi con saltuari interventi di pattuglia mobile in coordinamento con le forze dell’ordine sul territorio.

Non è la prima volta che il 66° prende parte ad operazioni “strade sicure” in quanto già in precedenza è stato dispiegato sul territorio casertano. In questo momento non sono previsti impieghi operativi particolari del 66° Aeromobile di Forlì per il 2014 ma, come ha affermato il Colonnello Randacio, “ il 66° è un reparto pronto ed è disponibile a qualunque tipo di operazione sul territorio nazionale ed estero”. Un esempio della versatilità e rapidità d’intervento di questa forza è stato il dispiegamento nelle zone terremotate dell’Emilia Romagna lo scorso anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento