menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pensionati al freddo in sit-in: "Si colpiscono i più poveri"

Si sono svolti venerdì mattina i presidi di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uil Pensionati davanti a Comuni e Prefetture dell'Emilia-Romagna, tra cui Forlì e Ravenna

Si sono svolti questa mattina i presidi di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uil Pensionati davanti a Comuni e Prefetture dell’Emilia-Romagna, tra cui Forlì e Ravenna. Circa 200 manifestanti in entrambe le manifestazioni in Romagna. Tè caldo per combattere il freddo, fischietti e bandiere per richiamare l’attenzione di istituzioni e partiti sulle condizioni dei pensionati, che “stanno pagando un prezzo troppo alto per gli effetti della crisi e delle misure di rigore finora adottate dal governo”.

Sono stati oltre un migliaio (350 solo a Bologna, 200 a Ravenna, Modena e Forlì) i pensionati che venerdì mattina hanno manifestato davanti ai Comuni e alle Prefetture di tutta l’Emilia-Romagna in occasione della giornata di mobilitazione nazionale indetta da Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uil Pensionati.
Più potere d’acquisto alle pensioni e più sostegno alle famiglie (con una rimodulazione dell’Imu sulla prima casa che tenga conto dei redditi) sono le richieste avanzate dai sindacati a governo e parlamento, ma anche agli amministratori locali. Sui cartelli, slogan per la redistribuzione della ricchezza e per un fisco più giusto: “Giù le mani dalle pensioni”, “Tassate la ricchezza, non la povertà”, “Meno parole e più fatti contro gli evasori”.

“Le fasce più deboli della popolazione stanno subendo sempre di più un impoverimento significativo della loro condizione economica – si legge nella lettera firmata dalle segreterie nazionali di Spi, Fnp e Uil Pensionati –. Per questo chiediamo politiche diverse, che possano favorire giustizia sociale e un concreto rilancio del potere d’acquisto delle pensioni, ulteriormente penalizzato dal blocco della rivalutazione per il 2012 e il 2013”. I pensionati chiedono anche più risorse per gli incapienti, cioè per chi ha un reddito così basso da non poter neanche usufruire di agevolazioni fiscali, e per il welfare: “L’approvazione urgente della legge per la non autosufficienza con relativo fondo costituirebbe un gesto di civiltà per tutto il Paese e avvicinerebbe l’Italia ai grandi Paesi europei”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento